Cori: l’enologia biologica certificata in Francia. Marco Carpineti al Millésime Bio di Montpellier

Cori: l’enologia biologica certificata in Francia. Marco Carpineti al Millésime Bio di Montpellier

30/01/2016 0 Di Marco Castaldi

Hits: 9

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2357 volte!

MARCO CARPINETI (2)L’Azienda Agri­co­la Bio­log­i­ca Mar­co Carpineti di Cori ha pre­sen­ta­to in Fran­cia la sua ulti­ma novità, il prog­et­to KIUS, al XXIII Mil­lésime Bio di Mont­pel­li­er (25–27 Gen­naio), il salone mon­di­ale e pro­fes­sion­ale del vino da agri­coltura bio­log­i­ca allesti­to dal 1993 al Par­co delle Espo­sizioni del­la cap­i­tale del­la regione di Langue­doc-Rous­sil­lon, nel sud transalpino.

Una fiera inter­nazionale pres­ti­giosa, ded­i­ca­ta esclu­si­va­mente ai pro­fes­sion­isti del vino bio­logi­co, che ha saputo con­ser­vare nel tem­po l’orig­i­nario spir­i­to con­viviale. Gli espos­i­tori sono rig­orosa­mente scelti dagli orga­niz­za­tori tra quel­li che pro­ducono vini di orig­ine bio­log­i­ca cer­ti­fi­ca­ta e col miglior rap­por­to qualità/prezzo.

Nel 1986 Mar­co Carpineti, spin­to dal deside­rio di vivere a con­tat­to con la natu­ra, decise di dedi­car­si uni­ca­mente e in pri­ma per­sona all’azienda di famiglia con l’obiettivo di cam­biarne la filosofia pro­dut­ti­va. Scelse il bio­logi­co come stile di vita e di pro­duzione, per rispettare l’ambiente e la salute dei wine lovers, otte­nen­do la cer­ti­fi­cazione dell’organo di con­trol­lo ‘Suo­lo e Salute’.

Dopo 30 anni, la sua viti­coltura ecososteni­bile sta approc­cian­do anche alla bio­d­i­nam­ic­ità, con l’impiego di cav­al­li di raz­za ital­iana per lavo­rare la ter­ra, sal­va­guardan­done la fer­til­ità. Carpineti inoltre è da sem­pre impeg­na­to nel recu­pero e nel­la val­oriz­zazione di antichi vit­ig­ni autoc­toni, come il Bel­lone e il Nero Buono di Cori.

Pro­prio da queste ultime due uve, bian­ca e rossa, nascono il KIUS Brut e il KIUS Extra Brut Rosato, spuman­ti meto­do clas­si­co uni­ci al mon­do, per­ché ottenu­ti, non da uve Chardon­nay, ben­sì da uve Bel­lone e Nero Buono di Cori. Due con­cen­trati di bol­licine riv­isti anche nel pack­ag­ing dal design­er Andrea Pis­til­li (Krain­oDe­sign) per miglio­rarne la capac­ità di rac­con­tare il ter­ri­to­rio con tut­ti i sen­si e sen­si­bi­liz­zare i con­suma­tori ad avvic­i­nar­si ai prodot­ti locali.