BES. Partito il progetto di formazione sui Bisogni Educativi Speciali 59 docenti presenti al primo incontro dell’iniziativa che coinvolge l’Assessorato alle Politiche Sociali e i Servizi Sociali del Comune di Cori e l’Istituto Comprensivo Statale ‘Cesare Chiominto’

BES. Partito il progetto di formazione sui Bisogni Educativi Speciali 59 docenti presenti al primo incontro dell’iniziativa che coinvolge l’Assessorato alle Politiche Sociali e i Servizi Sociali del Comune di Cori e l’Istituto Comprensivo Statale ‘Cesare Chiominto’

20/01/2016 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1356 volte!

LO STAFF DEI SERVIZI SOCIALI DEL COMUNE DI CORISono iniziati gli incon­tri di for­mazione sul tema dei “Bisog­ni Educa­tivi Spe­ciali” — BES — che vedono impeg­nati l’Assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Cori e l’Istituto Com­pren­si­vo Statale ‘Cesare Chiom­into’. 59 gli inseg­nan­ti del­la scuo­la dell’Infanzia, Pri­maria e Sec­on­daria di I gra­do di Cori e Giu­lianel­lo che han­no parte­ci­pa­to al pri­mo appun­ta­men­to pres­so la ‘V. Lau­ri­en­ti’. Il cor­so è tenu­to dal­la psi­colo­ga del Servizio di Inte­grazione Sco­las­ti­ca del Comune di Cori, spe­cial­iz­za­ta in psi­colo­gia clin­i­ca, psi­coter­apeu­ta sis­temi­co relazionale e medi­atrice familiare.

Il prog­et­to rien­tra nelle inizia­tive riv­olte ai docen­ti per l’aggiornamento e la conoscen­za di alcune tem­atiche ril­e­van­ti per lo svol­gi­men­to del loro lavoro quo­tid­i­ano. Nel­lo speci­fi­co la for­mazione sui BES — Bisog­ni Educa­tivi Spe­ciali — kcon­sente di acquisire stru­men­ti utili ed effi­caci per miglio­rare l’approccio al sin­go­lo alun­no sec­on­do le diverse e per­son­ali carat­ter­is­tiche, attuan­do il prin­ci­pio del­la per­son­al­iz­zazione dell’insegnamento sanci­to già dal­la Legge 53/2003 ed oggi meglio defini­to nel­la diret­ti­va min­is­te­ri­ale del 27/12/2012: “Stru­men­ti d’intervento per alun­ni con bisog­ni educa­tivi spe­ciali e orga­niz­zazione ter­ri­to­ri­ale per l’inclusione scolastica”.

Nel­la realtà odier­na si con­sta­ta che in ogni classe ci sono ragazzi che pre­sen­tano Bisog­ni Educa­tivi Spe­ciali (BES) attribuibili a diverse moti­vazioni: svan­tag­gio sociale e cul­tur­ale, dis­tur­bi speci­fi­ci di apprendi­men­to e/o evo­lu­tivi, dif­fi­coltà derivan­ti dal­la non conoscen­za del­la cul­tura e del­la lin­gua ital­iana. In ogni caso a cos­toro deve essere assi­cu­ra­ta la nec­es­saria e par­ti­co­lare atten­zione, per garan­tirne l’effet­ti­va inclu­sione sco­las­ti­ca e il suc­ces­so formativo.

Le gior­nate di stu­dio sui BES – Bisog­ni Educa­tivi Spe­ciali – pros­eguono sul­la scia del­la rin­no­va­ta col­lab­o­razione tra l’Amministrazione comu­nale, i Servizi Sociali e gli isti­tu­ti sco­las­ti­ci del ter­ri­to­rio. Un rap­por­to che si evolverà ulte­ri­or­mente nei prossi­mi mesi con altri momen­ti for­ma­tivi a cura dei pro­fes­sion­isti che oper­a­no pres­so il Comune di Cori, e riv­olti sia agli stu­den­ti che ai loro edu­ca­tori: ‘Edu­care all’affettività’, ‘Cyber­bullis­mo’, appro­fondi­men­to e for­mazione sul Dis­tur­bo del­lo Spet­tro Autistico.