‘La leggerezza del colore’. A Palazzetto Luciani la prima mostra personale di dipinti di Bianca Maria Invitto Bianchi

La leggerezza del colore’. A Palazzetto Luciani la prima mostra personale di dipinti di Bianca Maria Invitto Bianchi

17/12/2015 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1520 volte!

0001 (1)Saba­to 19 Dicem­bre, alle ore 16:30, ver­rà inau­gu­ra­ta la mostra ‘La leg­gerez­za del col­ore’, un’esposizione di opere pit­toriche di Bian­ca Maria Invit­to Bianchi, orga­niz­za­ta dall’Associazione Cul­tur­ale ‘Poeta Mio’, con il patrocinio del Comune di Cori, che rimar­rà allesti­ta a Palazzet­to Luciani fino a lunedì mat­ti­na, quan­do accoglierà anche la visi­ta didat­ti­ca delle scuole medie dell’Istituto Com­pren­si­vo Statale ‘Cesare Chiom­into’ di Cori.

DONNA CON CAPPELLO ROSSOAlla pre­sen­tazione inter­ver­ran­no: la prof.ssa Sec­on­d­i­na Carosi, la prof.ssa Sec­on­d­i­na Marafi­ni, la dott.ssa Antonel­la Milani­ni e la prof.ssa Gian­car­la Sis­sa. L’incontro sarà alli­eta­to da un sug­ges­ti­vo intrat­ten­i­men­to musi­cale delle vio­lin­iste e maestre d’orchestra Far­furi Nure­di­ni e Marzia Ric­cia­r­di, gio­vani ed affer­mate musi­ciste diplo­mate al Con­ser­va­to­rio ‘San­ta Cecil­ia’ di Roma, che pro­por­ran­no alcune delle più cele­bri colonne sonore di film. L’iniziativa prevede anche, per domeni­ca 20 Dicem­bre, alle ore 11:00, nel­la Chiesa di S.Oliva, l’esibizione de ‘Il coro con­tadi­no delle Donne di Giu­lianel­lo’.

Si trat­ta del­la pri­ma mostra per­son­ale di Bian­ca Maria Invit­to Bianchi, maes­tra ele­mentare di Arti fig­u­ra­tive e Dis­eg­no, oggi in pen­sione, con l’innata pas­sione per la pit­tura e riconosciute qual­ità artis­tiche, e all’attivo numerose mostre col­let­tive e vari pre­mi. Una trenti­na di dip­in­ti real­iz­za­ti a par­tire dal 1992, tra cui una deci­na ded­i­cati alle più note fav­ole per bam­bi­ni, gli altri invece ritrag­gono nature morte, ambi­en­ti, ogget­ti, panora­mi, per­sone, sta­gioni, frut­ti, scor­ci nat­u­rali. Qua­si tut­to è ricon­ducibile alla sua ama­ta cit­tà, Cori, e a ciò che le è più famil­iare.

SCUGNIZZIIl filo con­dut­tore si esprime in un vero e pro­prio inno ai col­ori, quel­li pastel­lo, che donano alle sue tele lumi­nosità, ele­gan­za, del­i­catez­za, tran­quil­lità, armo­nia, felic­ità, sper­an­za, voglia di sognare e vivere con gioia. Tra le tinte spic­ca l’azzur­ro, che spes­so avvolge, cir­con­da e mette in risalto il rosa, riv­e­landone tut­to il suo sig­ni­fi­ca­to sim­bol­i­co. L’altro leit motiv è la natu­ra, la sua bellez­za e del­i­catez­za, accogliente e ras­si­cu­rante nel­la sua sem­plice per­fezione, che induce a riflet­tere sul gius­to rap­por­to che l’uomo deve avere con essa.