Sotto assedio. Consiglio comunale aperto sulla nuova cava a Cori (15 Dicembre) ed assemblea pubblica a Giulianello sulle minacce che incombono sul territorio (14 Dicembre)

Sotto assedio. Consiglio comunale aperto sulla nuova cava a Cori (15 Dicembre) ed assemblea pubblica a Giulianello sulle minacce che incombono sul territorio (14 Dicembre)

12/12/2015 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1686 volte!

SOTTO ASSEDIOMart­edì 15 Dicem­bre, alle ore 16:00, si tor­na in aula per il set­ti­mo ed ulti­mo Con­siglio Comu­nale di Cori del 2015, il ven­ti­seies­i­mo del­la sec­on­da leg­is­latu­ra Con­ti.  Sarà un Con­siglio comu­nale aper­to che vert­erà in gran parte sul­la ques­tione dell’apertura del­la nuo­va cava di cal­care nel ter­ri­to­rio comu­nale di Cori (Monte Maiur­ro), autor­iz­za­ta dal­la Regione Lazio, in dero­ga alla potestà pro­gram­ma­to­ria del Con­siglio comu­nale di Cori.  A ques­ta si aggiun­gerebbe l’altra cava di cal­care autor­iz­za­ta dal­la Pisana in ter­ri­to­rio comu­nale di Roc­ca Mas­si­ma (Colle Medico), alle porte del cen­tro abi­ta­to di Giu­lianel­lo. Entrambe vicinis­sime, da una parte e dell’altra, a quel­la già atti­va da un quar­an­ten­nio (Con­tra­da Perunio). I cit­ta­di­ni sono invi­tati a parte­ci­pare al dibattito.

MONTE MAIURRO - ATTUALE CAVA E SITO DELLA NUOVAIl Sin­da­co Tom­ma­so Con­ti ha più volte rib­a­di­to in questi giorni la net­ta posizione con­traria dell’Amministrazione comu­nale di Cori, che fin dal suo inse­di­a­men­to si è bat­tuta per tute­lare e val­oriz­zare l’ambiente, il ter­ri­to­rio e il pae­sag­gio, atti­van­dosi nelle sedi oppor­tune per con­trastare anche ques­ta deci­sione. Man­ca il ril­e­vante inter­esse socio eco­nom­i­co sovra­co­mu­nale che gius­ti­fi­ca l’autorizzazione a pre­cedere con­ces­sa dagli uffi­ci region­ali e l’eventuale pre­sen­za di tre cave in un faz­zo­let­to di ter­ra potrebbe aprire la stra­da all’ipotesi di cos­ti­tuzione di un polo estrat­ti­vo, che sig­ni­ficherebbe pot­er con­tin­uare a sfre­gia­re uno dei pochi ter­ri­tori in buona parte sopravvis­su­ti in una regione che van­ta il pri­ma­to ital­iano di cave attive e inattive.

PROGETTO CENTRALE BIOMETANO COLUBRO DI ARTENA3Di questo si par­lerà anche lunedì 14 Dicem­bre, alle ore 19:30, nel­la Del­egazione comu­nale di Giu­lianel­lo, dove il MAG ha orga­niz­za­to un’assem­blea pub­bli­ca per infor­mare la cit­tad­i­nan­za sui peri­coli di un ter­ri­to­rio ‘sot­to asse­dio da rifiu­ti e cemen­to’. Oltre alle cave ver­ran­no esam­i­nate altre minac­ce che aleg­giano dall’esterno su Cori e Giu­lianel­lo. Quelle già note, la Bretel­la Autostradale Cis­ter­na-Val­montone che dovrebbe costeggia­re il Mon­u­men­to Nat­u­rale Lago di Giu­lianel­lo e la Cen­trale Bio­metano di Col­u­bro, al con­fine tra Giu­lianel­lo e Arte­na; fino ad arrivare all’ultimo prog­et­to pre­sen­ta­to in Regione che prevede l’attivazione in local­ità La Castag­no­la (Giu­lianel­lo) di un impianto per la pro­duzione di CDR (Com­bustibili Da Rifiuti)/CSS (Com­bustibili Soli­di Sec­on­dari) tramite la selezione e il trat­ta­men­to di VPL (vetro, plas­ti­ca, lat­tine) e altre frazioni secche.

tracciato-cisterna-valmontoneMart­edì pomerig­gio l’assise comu­nale dovrà pro­nun­cia­r­si anche su altri pun­ti all’ordine del giorno, dopo le inter­pel­lanze e le inter­rogazioni del­la mino­ran­za: approvazione del­la con­ven­zione per la ges­tione asso­ci­a­ta dei Servizi Sociali tra i Comu­ni del Dis­tret­to Socio-San­i­tario LT/1 (April­ia, Cis­ter­na, Cori, Roc­ca Mas­si­ma); ade­sione al prog­et­to ‘Ver­so zero rifiu­ti nel 2020’; rat­i­fi­ca del­la delib­er­azione del­la G.C. n. 201 del 27.11.2015 avente ad ogget­to: art. 175 del D.Lgs. 18 agos­to 2000 n. 267. Vari­azione al bilan­cio annuale di pre­vi­sione dell’esercizio finanziario 2015; approvazione del­la con­ven­zione per la cos­ti­tuzione e il fun­zion­a­men­to di un baci­no ter­ri­to­ri­ale otti­male final­iz­za­to alla ges­tione dei rifiu­ti soli­di urbani.