Marino, Sabrina Minucci dura sul provvedimento salva-banche

Marino, Sabrina Minucci dura sul provvedimento salva-banche

11/12/2015 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 3290 volte!

Sabrina Minucci

Sab­ri­na Min­uc­ci

MARINO, SALVATAGGIO BANCHE: MINUCCI (LABORATORIO RINASCITA) “BASTA SUICIDI DI STATO, TAGLIAMO IL CORDONE OMBELICALE CHE LEGA POLITICA E BANCHE

 

Lab­o­ra­to­rio Rinasci­ta si stringe attorno alla famiglia del pen­sion­a­to di Civ­i­tavec­chia sui­cida­to dopo aver per­so i pro­pri rispar­mi a causa del provved­i­men­to di sal­vatag­gio delle banche in dif­fi­coltà che ha di fat­to azzer­a­to i cred­i­ti degli obbligazion­isti. L’uomo avrebbe las­ci­a­to una let­tera auto­grafa, in cui spie­ga­va di avere per­so oltre 100 mila euro investi­ti in obbligazioni sub­or­di­nate emesse da Ban­ca Etruria, per spie­gare la deci­sione di toglier­si la vita. “Noi siamo per una ban­ca eti­ca che tuteli gli inter­es­si dei pic­coli risparmi­a­tori a dis­capi­to di spec­u­la­tori sen­za scrupoli. Una ban­ca che for­nisca alla pro­pria clien­tela i nor­mali servizi ban­cari muoven­dosi, però, nel­l’am­bito di par­ti­co­lari cri­teri nel­la selezione degli inves­ti­men­ti sui quali con­cen­trare il risparmio rac­colto; inoltre, una ban­ca eti­ca che operi spes­so anche nel­l’am­bito del micro cred­i­to for­nen­do, a clien­tela par­ti­co­lar­mente dis­agia­ta presti­ti di impor­to anche molto bas­so e con inter­es­si rel­a­ti­va­mente bassi.” Queste le parole di Sab­ri­na Min­uc­ci, can­di­da­ta a sin­da­co nelle prossime elezioni ammin­is­tra­tive a Mari­no. “Per noi l’attenzione all’et­i­ca nel­l’­op­er­a­tiv­ità ban­car­ia com­por­ta che un altro obi­et­ti­vo di questi isti­tu­ti di cred­i­to sia quel­lo di garan­tire al cliente la mas­si­ma trasparen­za sug­li inves­ti­men­ti e come sarà gesti­to il risparmio rac­colto. Pro­poni­amo la creazione di un fon­do che sosten­ga le famiglie delle vit­time come nel caso del pen­sion­a­to di Civ­i­tavec­chia. Bas­ta sui­ci­di di sta­to. Dob­bi­amo avere il cor­ag­gio di tagliare il legame che lega un cer­to tipo di polit­i­ca alla ges­tione viziosa delle banche” con­clude anco­ra la leader del movi­men­to Lab­o­ra­to­rio Rinasci­ta.

Con­di­vi­di:
error0