Formia: Ottima partecipazione al corso del Capol per un olio extravergine di qualità Una trentina i corsisti. Buona la qualità dei primI oli extravergini di oliva del sud pontino

Formia: Ottima partecipazione al corso del Capol per un olio extravergine di qualità Una trentina i corsisti. Buona la qualità dei primI oli extravergini di oliva del sud pontino

18/11/2015 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2014 volte!

CORSO CAPOL FORMIA (1)Una trenti­na gli oper­a­tori del set­tore olivi­co­lo del­la zona sud pon­ti­na che han­no parte­ci­pa­to al cor­so di aggior­na­men­to orga­niz­za­to dall’associazione Capol pres­so l’Ufficio Decen­tra­to di Formia del­la Provin­cia di Lati­na. Era­no per lo più assag­gia­tori, agrono­mi e pro­dut­tori dei comu­ni di Formia, Itri, Fon­di, Gae­ta, San­ti Cos­ma e Dami­ano, Castelforte e Minturno.
Sono sta­ti val­u­tati i pro­fili organolet­ti­ci di 8 nuovi oli extravergi­ni di oli­va del­la zona Sud del­la provin­cia di Lati­na. Solo uno è risul­ta­to difet­ta­to. Gli altri, nei quali è sta­ta ril­e­va­ta una nota di frut­ta­to medio-inten­so, han­no con­fer­ma­to una buona qual­ità, nonos­tante l’annata olearia sia appe­na inizia­ta.
L’evento è sta­to con­dot­to dal pres­i­dente del Capol Lui­gi Cen­tau­ri che ha man­i­fes­ta­to sod­dis­fazione per il con­tin­uo miglio­ra­men­to in questi ulti­mi anni degli oli nel sud pon­ti­no. Ha anche evi­den­zi­a­to che ai fini del riconosci­men­to del­la qual­ità di un olio extravergine di oli­va, non è suf­fi­ciente l’analisi chim­i­ca, ma occorre pure l’analisi sen­so­ri­ale effet­tua­ta da esper­ti.
Il Comi­ta­to di Assag­gia­tori pro­fes­sion­ale del Capol, che opera pres­so la sala pan­el del­la Cam­era di Com­mer­cio di Lati­na, ha ottenu­to l’accreditamento pres­so il Min­is­tero delle Politiche Agri­cole, Ali­men­ta­ri e Fore­stali, e le aziende olivi­cole del­la provin­cia potran­no richieder­gli una cer­ti­fi­cazione a nor­ma di legge delle qual­ità organolet­tiche dei loro oli extravergine di oli­va.
Il pres­i­dente dell’Aspol (Asso­ci­azione Provin­ciale Pro­dut­tori Olivi­coli di Lati­na) Cos­mo Di Rus­so ha invece sot­to­lin­eato come in pre­sen­za di fro­di ali­men­ta­ri nelle cronache di questi giorni, lo stru­men­to dell’analisi organolet­ti­ca è fon­da­men­tale a tutela delle aziende olivi­cole e dei con­suma­tori.
Il Diri­gente del­la Provin­cia di Lati­na Domeni­co Tibal­di ha rimar­ca­to come sim­ili inizia­tive siano un plus per val­oriz­zare ques­ta sec­o­lare risor­sa del ter­ri­to­rio provin­ciale, dove la coltura dell’olivo non solo è una delle attiv­ità agri­cole più dif­fuse, ma cos­ti­tu­isce un pat­ri­mo­nio che ha sal­va­guarda­to l’assetto idro­ge­o­logi­co dei rilievi pon­ti­ni, instau­ran­do un rap­por­to tra le comu­nità locali, per cui quest’albero va oltre l’economia per far­si cul­tura.
Il prog­et­to Capol di val­oriz­zazione del­la qual­ità dei migliori oli extravergine di oli­va pon­ti­ni con­tin­ua: dal 14 al 28 Novem­bre, Con­sorzio per lo Svilup­po Indus­tri­ale Sud Pon­ti­no – Gae­ta: cor­so per tec­ni­ci assag­gia­tori riconosci­u­to dal­la Regione Lazio e pro­pe­deu­ti­co all’iscrizione nell’elenco nazionale assag­gia­tori. Il 20 Novem­bre, ore 17:30/19:30, Bib­liote­ca comu­nale di Nor­ma: cor­so di aggior­na­men­to zona nord provin­cia di Lati­na. Dal 6 all’8 Dicem­bre in col­lab­o­razione con il comune di Cori è pre­vista una tre giorni ded­i­ca­ta all’Olio extravergine di qual­ità del­la Cit­tà di Cori.