Daniela Vietri vince il ‘Cincinnato Food Contest’

Daniela Vietri vince il ‘Cincinnato Food Contest’

15/11/2015 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1696 volte!

FOOD WRITERS E GIURATI   Daniela Vietri si è aggiu­di­ca­ta il ‘Cincin­na­to Food Con­test’, inizia­ti­va real­iz­za­ta saba­to nell’Agriturismo Cincin­na­to dall’azienda vini­co­la corese, che ha vis­to sfi­dar­si ai for­nel­li quat­tro food writ­ers di diverse par­ti d’Italia. Cos­toro dove­vano inter­pretare un pri­mo piat­to avente tra gli ingre­di­en­ti di base di derivazione laziale, un vino a scelta del­la Can­ti­na, che ten­dono a dare il meglio quan­do abbinati a creazioni culi­nar­ie adeguate. Non è sta­to facile dec­retare il vinci­tore per la giuria di esper­ti. Tania Mau­riSave­rio De LucaAndrea Love­lock, Mar­co Mori­co e Car­lo Moret­ti­ni han­no dovu­to giu­di­care piat­ti di altissi­ma gas­trono­mia e molto ben pre­sen­tati. La gara dunque si è di fat­to con­clusa con un primus inter pares (le foto del­la gara sono di Vin­cen­zo Paci­fi­ci, quel­la del Casale Stoza Agri­t­ur­is­mo Cincin­na­to è di Dino Notar­i­an­ni).

         DANIELA VIETRI LA CINCITRICEDaniela Vietri l’ha spun­ta­ta con i suoi ravi­o­li al vino rosso ‘Arcatu­ra’ con rip­ieno di sal­s­ic­cia brasa­ta su cre­ma di broc­coli. I giu­rati han­no pre­mi­a­to la com­p­lessità del­la ricetta, che ver­rà ora inseri­ta anche nel menu dell’Agriturismo Cincin­na­to, l’equilibrio del piat­to e la mas­si­ma val­oriz­zazione del vino usato nell’impasto. Ex aequo tra Rober­ta Cas­trichel­la, Fabio Pan­ci e Ada Parisi, che han­no prepara­to, rispet­ti­va­mente: ama­tri­ciana sbagli­a­ta con vino rosso ‘Ercole’; mezze maniche con puntarelle, sal­s­ic­cia sfu­ma­ta nel vino bian­co ‘Pan­ta­leo’ e brici­ole di pane croc­cante; pap­pardelle di fari­na di castagne, con broc­co­lo romanesco, fon­du­ta di pecori­no DOC e ‘Pan­ta­leo’.

CASALE STOZA - AGRITURISMO CINCINNATOL’evento, per­fet­ta­mente rius­ci­to, è sta­to pen­sato come vali­do con­trib­u­to alla pro­mozione del ter­ri­to­rio attra­ver­so i suoi prodot­ti tipi­ci, tra i quali il vino di qual­ità, che la Cincin­na­to ha saputo esaltare attra­ver­so il recu­pero e la riva­l­u­tazione di antichi vit­ig­ni autoc­toni come il Nero Buono e il Bel­lone. Una pro­duzione voca­ta alla gen­uinità che carat­ter­iz­za anche la cuci­na Cincin­na­to, che usa solo materie prime di orig­ine laziale. Per la cronaca, Daniela Vietri rap­p­re­sen­ta­va Por­ta Romana. Cias­cun con­cor­rente infat­ti era con­trad­dis­tin­to da una delle quat­tro cop­pie di col­ori del Carosel­lo Stori­co dei Rioni di Cori, un richi­amo che ha arric­chi­to la man­i­fes­tazione di ulte­ri­ori sig­ni­fi­cati e riman­di stori­ci. La gior­na­ta si è con­clusa con visi­ta e degus­tazione pres­so l’Azienda Agri­co­la Agnoni e il Bis­cot­ti­fi­cio Arti­gianale Cia­r­di Dol­ci Bon­tà.