SANITÀ: ZINGARETTI, ACCORPIAMO ASL RMC E RMB, MENO COSTI E PIÙ SERVIZI A CITTADINI

SANITÀ: ZINGARETTI, ACCORPIAMO ASL RMC E RMB, MENO COSTI E PIÙ SERVIZI A CITTADINI

09/09/2015 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 3082 volte!

Festa Pd Provincia di Latina 2014 ZingarettiSANITÀ: ZINGARETTI, ACCORPIAMO ASL RMC E RMB, MENO COSTI E PIÙ SERVIZI A CITTADINI 

A ROMA LE ASL PASSERANNO DA CINQUE A TRE.

IN TUTTO IL LAZIO AGGREGATI GLI ACQUISTI DI TUTTE LE ASL 

 

Con il decre­to di mod­i­fi­ca dei pro­gram­mi oper­a­tivi già fir­ma­to che prevede l’accorpamento delle ASL RM C e RM B, e dopo la già avvenu­ta inte­grazione delle ASL RM A ed E, si real­izzerà un nuo­vo e diver­so asset­to ter­ri­to­ri­ale delle ASL del­la Cit­ta di Roma, per meglio rispon­dere alle nuove esi­gen­ze del ter­ri­to­rio di Roma cap­i­tale dopo la riduzione dei municipi. Dopo oltre ven­t’an­ni la neces­sità di ridis­eg­nare la map­pa delle ASL di Roma Cap­i­tale è dovu­ta alla neces­sità di dare cor­rispon­den­za ter­ri­to­ri­ale uni­vo­ca tra Municipi e ASL al fine di una mag­giore sem­pli­fi­cazione ammin­is­tra­ti­va e alla con­seguente facil­i­tazione nel­la fruizione dei servizi. La riduzione delle ASL di Roma Cap­i­tale da cinque a tre, oltre che alla riduzione delle spese per gli organi azien­dali (direzioni gen­er­ali, ammin­is­tra­tive e san­i­tarie), risul­ta fun­zionale per dare piena oper­a­tiv­ità alle reti ospedaliere dell’emergenza e tem­po-dipen­den­ti. Le risorse recu­per­ate dal­la riduzione delle spese e delle dupli­cazioni oggi esisten­ti ver­ran­no imp­ie­gate per il poten­zi­a­men­to del­la rete ter­ri­to­ri­ale. Altra novità in ter­mi­ni di effi­cien­ta­men­to del sis­tema e riduzione dei costi è la cos­ti­tuzione delle “aree di aggregazione” per lo svol­gi­men­to delle gare di acquis­to che non ver­ran­no più fat­te dalle sin­gole Aziende ed ASL come avvenu­to fino ad oggi. La nuo­va aggregazione (aree vaste) rag­grup­perà le ASL del nord del Lazio ( Viter­bo, Rieti e la ASL RMF), le Asl di Roma com­p­rese le aziende ospedaliere e uni­ver­si­tarie e le ASL del Sud del Lazio. Oltre che razion­al­iz­zare gli acquisti per­me­t­ter­an­no di uni­for­mare i prezzi dei beni e servizi in maniera da ren­der­li omo­genei tra le aziende e allo stes­so tem­po servi­ran­no per la deter­mi­nazione del fab­bisog­no e degli effet­tivi con­su­mi in rap­por­to ai volu­mi di pro­duzione delle sin­gole Asl ed aziende.

Con­tinuiamo nel­la nos­tra quo­tid­i­ana battaglia di inno­vazione del­la Regione Lazio. Ridu­ci­amo costi e al con­tem­po aumen­ti­amo i servizi per i cit­ta­di­ni. Se la nos­tra Regione, dopo essere sta­ta sul­l’or­lo del fal­li­men­to, ora è ripar­ti­ta e guar­da al futuro con sper­an­za è anche per­ché in questi due anni e mez­zo abbi­amo taglia­to oltre 500 poltrone per un risparmio già ottenu­to di 400 mil­ioni di euro che arriver­an­no ad 1 mil­iar­do nel 2017 quan­do ter­miner­e­mo il nos­tro proces­so. Così sti­amo facen­do anche per le Asl, la cui ripar­tizione era bloc­ca­ta da oltre ven­t’an­ni: dopo la già avvenu­ta inte­grazione fra la RmA e la Rm E ora sarà la vol­ta del­la RmB e Rm C. Indi­etro non si tor­na, e a Roma le Asl passer­an­no da cinque a tre. Minori costi e mag­giori servizi per i cit­ta­di­ni” .

 

Lo dichiara in una nota il Pres­i­dente del­la Regione Lazio Nico­la Zin­garet­ti.

 

Le ASL di Roma cap­i­tale saran­no cosi arti­co­late:

1) Roma 1 ( ex ASL RM E ed A) Municipi I°, II°, III°, XIII°,XIV°,XV. Popo­lazione res­i­dente 1.050.682;

2) Roma 2 ( ex ASL RM B e C) Municipi ​IV°,V°,VI°,VII°,IX. Popo­lazione res­i­dente 1.290.266;

3) Roma 3 ( ex RM D)  Municipi  ​X°,XI°XII° e Fiu­mi­ci­no. Popo­lazione res­i­dente 674.000.​