Roma: Barletta consegna a Scozzese fascicoli su appalti sospetti passata Amministrazione

Roma: Barletta consegna a Scozzese fascicoli su appalti sospetti passata Amministrazione

10/12/2014 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2698 volte!

Presidente BarlettaBar­let­ta con­seg­na a Scozzese fas­ci­coli su appalti sospet­ti pas­sa­ta Ammin­is­trazione

“Lo scor­so ven­erdì ‑dichiara in una nota Vale­rio Bar­let­ta Pres­i­dente del Munici­pio XIV- ho con­seg­na­to al Sin­da­co per il tramite dell’Assessore Scozzese, alcu­ni atti prodot­ti dal­la prece­dente Ammin­is­trazione e con­sis­ten­ti in quat­tro affi­da­men­ti diret­ti, tut­ti datati 29 dicem­bre 2011, del val­ore di 100.000,00 euro, sot­to la medes­i­ma Direzione Lavori e il medes­i­mo Respon­s­abile del Pro­ced­i­men­to, ad altret­tante coop­er­a­tive coin­volte oggi nell’indagine Mon­do di mez­zo, nonché una delib­era di riconosci­men­to di deb­ito fuori bilan­cio per lavori ese­gui­ti nel mar­zo 2013 per il rifaci­men­to dell’impianto fog­nario del Cam­po di Via Cesare Lom­broso pari a 823.000 euro.

“Ho fat­to una ver­i­fi­ca sug­li atti del­la prece­dente Ammin­is­trazione ‑pros­egue Bar­let­ta-soprat­tut­to dopo aver appre­so dai mezzi stam­pa che tra gli arresta­ti dell’operazione Mafia Cap­i­tale fig­u­ra­va, tra gli altri, Clau­dio Cal­darel­li, ex Asses­sore alle Politiche sociali del­la Giun­ta di cen­trode­stra che ha gov­er­na­to il Munici­pio XIV nel quin­quen­nio 2008–2013,nonché rap­p­re­sen­tate legale di una delle quat­tro coop­er­a­tive affi­datarie.

Ho colto l’invito del Sin­da­co di met­ter­ci a dis­po­sizione del­la mag­i­s­tratu­ra spalan­can­do le porte del Munici­pio che rap­p­re­sen­to per­ché la mia ammin­is­trazione ha tut­to l’interesse a fare chiarez­za sul malaf­fare del pas­sato e per­ché riten­go che il con­trib­u­to di cias­cuno di noi pos­sa deter­minare più velo­ce­mente il cor­so delle indagi­ni che gli inquiren­ti stan­no svol­gen­do”.

“Quel­lo di sostenere la mag­i­s­tratu­ra ‑con­clude Bar­let­ta- è un dovere morale che anche noi, ammin­is­tra­tori locali, abbi­amo nei con­fron­ti di elet­tori e cit­ta­di­ni che, attoni­ti spet­ta­tori di questo uragano giudiziario, mer­i­tano gius­tizia e ver­ità”.