Ripristino natura, Confeuro: “Ok approvazione ma ora Italia trovi giusti equilibri” 

Ripristino natura, Confeuro: “Ok approvazione ma ora Italia trovi giusti equilibri” 

18/06/2024 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 332 volte!

“Quan­do si par­la di ambi­ente, si par­la anche di ter­ra e di agri­coltura. Per ques­ta ragione, Con­feu­ro accoglie pos­i­ti­va­mente il via lib­era del rego­la­men­to sul ripristi­no del­la natu­ra, approva­to nelle scorse ore dal Con­siglio dell’Unione Euro­pea. Un testo impor­tante, che rac­chi­ude le dis­po­sizioni atte a riportare almeno il 20 per cen­to delle terre e dei mari europei allo sta­to orig­i­nale entro il decen­nio. Il rego­la­men­to tut­tavia ha reg­is­tra­to il voto con­trario del nos­tro paese: un dis­senso legit­ti­mo ma che Con­feu­ro fat­i­ca davvero a com­pren­dere vis­to e con­sid­er­a­to che il rego­la­men­to pun­ta alla tutela dell’ambiente e alla riqual­i­fi­cazione delle aree nat­u­rali già degra­date, per­al­tro fon­da­men­tale tas­sel­lo del Green Deal. In mer­i­to a even­tu­ali impat­ti neg­a­tivi nei riguar­di del set­tore agri­co­lo, noi siamo del­la opin­ione che le istanze e i dirit­ti di pic­coli e medi agri­coltori pos­sano e deb­bano essere tute­lati e val­oriz­za­ti con ben altre politiche, più con­crete e fic­can­ti, a par­tire dal­la revi­sione totale del­la Pac, dal­lo stanzi­a­men­to di mag­giori risorse a favore delle pmi piut­tosto che delle gran­di multi­nazion­ali, e dal­lo snel­li­men­to delle pro­ce­dure ammin­is­tra­tive e fis­cali. Sem­pre a propos­i­to del rego­la­men­to sul ripristi­no del­la natu­ra, vedremo adesso come si com­porterà il gov­er­no ital­iano nel­la definizione del piano nazionale da pre­sentare alla Com­mis­sione euro­pea”.
Così, in una nota stam­pa, Andrea Tiso, pres­i­dente nazionale Con­feu­ro, la Con­fed­er­azione degli Agri­coltori Europei e del Mon­do.

Related Images: