Roma, Rea: “Su Sfattoria responsabilità di chi ha collocato gli animali in un’area sotto sequestro”

Roma, Rea: “Su Sfattoria responsabilità di chi ha collocato gli animali in un’area sotto sequestro”

08/09/2022 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 496 volte!

“La vicen­da del­la “Sfat­to­ria” ha evi­den­zi­a­to da un lato l’in­ca­pac­ità da parte del­l’Am­min­is­trazione capi­toli­na di gestire il prob­le­ma del con­teni­men­to del­la peste suina nel­la cit­tà di Roma ma, nel con­tem­po, ha soll­e­va­to parec­chi inter­rog­a­tivi sul­l’­op­er­a­to di col­oro che han­no pri­ma occu­pa­to abu­si­va­mente un’area di pro­pri­età dema­niale e poi han­no accu­mu­la­to in quel luo­go un con­sis­tente numero di ani­mali pur se sot­to­pos­to a seque­stro giudiziario.
Nel­l’area occu­pa­ta dal­la “Sfat­to­ria degli Ulti­mi” dove in lin­ea teor­i­ca sarebbe asso­lu­ta­mente vieta­to anche solo accedere a causa del pro­ced­i­men­to penale in cor­so (per il quale espo­nen­ti del nos­tro Par­ti­to sono sta­ti a suo tem­po chia­mati a tes­ti­mo­ni­are), dopo l’oc­cu­pazione sono sta­ti invece real­iz­za­ti addirit­tura inves­ti­men­ti e costru­iti man­u­fat­ti abu­sivi, espo­nen­do così gli ani­mali accu­mu­lati a gravi rischi legati ad un pos­si­bile sgombero. Il nos­tro Par­ti­to si chiede quin­di se sia sta­to oppor­tuno, da parte del­l’Onorev­ole Michela Vit­to­ria Bram­bil­la finanziare con migli­a­ia di euro la real­iz­zazione di alcune strut­ture del­la Sfat­to­ria in uno sce­nario di asso­lu­ta ille­gal­ità e pre­ca­ri­età invece di con­tribuire a sup­port­are uno dei vari San­tu­ari pre­sen­ti nel ter­ri­to­rio laziale che, con enor­mi sac­ri­fi­ci e risorse scar­sis­sime oper­a­no da anni com­ple­ta­mente in rego­la e che invece non ven­gono qua­si mai ricor­dati ed aiu­tati. Sul­la passerel­la elet­torale (di tut­ti gli schiera­men­ti) a cui sti­amo assis­ten­do da quan­do la vicen­da del­la Sfat­to­ria ha assun­to vis­i­bil­ità medi­at­i­ca, occorre poi aprire un capi­to­lo a parte. Quale eti­ca pos­sono vantare col­oro che, per­fet­ta­mente con­sapevoli del­la poca chiarez­za di ques­ta vicen­da e del­la situ­azione di ille­gal­ità, si mostra­no sol­i­dali nel ten­ta­ti­vo di rim­di­are qualche voto?
Il Par­ti­to Riv­o­luzione Ecol­o­gista Ani­mal­ista ritiene che la lot­ta per la sal­va­guardia del­l’am­bi­ente e per la tutela  degli ani­mali pos­sa essere con­dot­ta anche all’in­ter­no di uno sce­nario di legal­ità e per questo moti­vo ha deciso di pren­dere le dis­tanze da ques­ta spec­u­lazione polit­i­ca le cui con­seguen­ze cad­ran­no, come sem­pre, sug­li incolpevoli animali”.
Così, in una nota, il seg­re­tario nazionale del par­ti­to Riv­o­luzione Ecol­o­gista Ani­mal­ista, Gabriel­la Caramanica.