Lavoro minorile, il monito di Assotutela: “Una piaga da eliminare. Tutelare i diritti”

Lavoro minorile, il monito di Assotutela: “Una piaga da eliminare. Tutelare i diritti”

14/06/2022 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 388 volte!

“Il 12 giug­no 2022 è una data che resterà nel­la sto­ria, non solo per i fedeli accor­si in piaz­za San Pietro ma per tut­ta la col­let­tiv­ità. Le parole del San­to Padre, che toc­cano sem­pre vette altissime, ieri han­no rag­giun­to l’apice, invi­tan­do le coscien­ze a una pro­fon­da rif­les­sione”. Lo dichiara il pres­i­dente di Asso­Tutela Michel Mar­i­ta­to che spie­ga: “A mez­zo­giorno abbi­amo ascolta­to da Francesco parole che deb­bono scuotere chi­unque, chi ritiene di essere nel gius­to e chi invece qualche peso sul­la coscien­za lo avverte. Il Papa, nel­la Gior­na­ta con­tro lo sfrut­ta­men­to del lavoro dei minori, ha det­to che il lavoro mino­rile è una pia­ga da elim­inare. Come non apprez­zare tali parole? Il prob­le­ma è grande, una vor­agine. Si pen­sa sia solo in Pae­si lon­tani da noi, che ci con­sid­e­ri­amo Paese civile”, ram­men­ta il pres­i­dente. “Bas­ta però con­sultare i dati e, quale ama­ra sor­pre­sa, si sco­pre che in Italia sono 340 mila i ragazzi sot­to i 16 anni, età in cui diven­ta legale il rap­por­to di lavoro, che prestano la pro­pria opera in modo più o meno occul­to: baby sit­ter, aiu­to camerieri, manovali, perfi­no aiu­to nei campi. Pos­si­amo con­sid­er­ar­ci mem­bri del ‘civile’ Occi­dente?”, si inter­ro­ga anco­ra Mar­i­ta­to. “Per questo avanzi­amo una pro­pos­ta: per una vol­ta, al pos­to di car­a­vanser­ragli di vario genere per le strade delle nos­tre cit­tà, noi che ci reputi­amo pal­a­di­ni dei dirit­ti, orga­nizzi­amo una sfi­la­ta per riven­di­care i sacrosan­ti dirit­ti dei minori, costret­ti al lavoro in nero e ille­gale”, chiosa Maritato.