Lazio, Assotutela: “Emergenza: ci sono i soldi, mancano i tempi”

Lazio, Assotutela: “Emergenza: ci sono i soldi, mancano i tempi”

08/06/2022 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 293 volte!

“Affab­u­lazione, non tro­vi­amo altro ter­mine per definire la qual­ità del­la comu­ni­cazione polit­i­ca di questi ulti­mi anni. Se la per­sua­sione a cui non seguono fat­ti può andar bene per sce­nari che non toc­cano la vita dei cit­ta­di­ni pas­si pure. Il prob­le­ma è quan­do si par­la di provved­i­men­ti che inci­dono sul­la salute, allo­ra le cose cam­biano”. Lo dichiara il pres­i­dente di Asso­Tutela Michel Mar­i­ta­to che spie­ga: “Da mesi assis­ti­amo a denunce quo­tid­i­ane sul­la inadeguatez­za dei nos­tri pron­to soc­cor­so e, mira­colosa­mente, il 7 giug­no arri­va pun­tuale la dichiarazione dell’assessore alla San­ità del­la Regione Lazio, che scio­r­i­na numeri des­ti­nati a ras­si­cu­rare stam­pa e opin­ione pub­bli­ca. Ci sareb­bero 122 mil­ioni di euro per ‘rimod­u­lare il piano di emer­gen­za’, che in lin­guag­gio con­cre­to sig­nifi­ca altri tem­pi mor­ti di dis­cus­sioni, incon­tri, tavoli, forse qualche rego­la­men­to e qualche let­te­ri­na dei diret­tori di Asl e ospedali, indi­vid­uati quali capri espi­a­tori del­la dis­or­ga­niz­zazione. Noi cit­ta­di­ni vor­rem­mo qual­cosa in più – incalza il pres­i­dente – vor­rem­mo i tem­pi di real­iz­zazione dei tan­ti procla­mi prove­ni­en­ti da effi­caci e ben ret­ribuiti uffi­ci stam­pa. Non ci bas­ta più leg­gere il vela­to rim­brot­to del capo del­la San­ità regionale ai suoi ‘dipen­den­ti’ man­ag­er azien­dali, qua­si fos­sero loro i respon­s­abili di tan­to disses­to. Servirebbe un esame di coscien­za su chi, in questi anni, ha con­dot­to la san­ità al dis­as­tro orga­niz­za­ti­vo”, chiosa il presidente.