ALLA FACCIA DELLA TRASPARENZA, CECCHI E LA SUA GIUNTA NON RISPONDONO ALLE INTERROGAZIONI SUI SERVIZI AI CITTADINI, CHIESTO L’INTERVENTO DEL PREFETTO

ALLA FACCIA DELLA TRASPARENZA, CECCHI E LA SUA GIUNTA NON RISPONDONO ALLE INTERROGAZIONI SUI SERVIZI AI CITTADINI, CHIESTO L’INTERVENTO DEL PREFETTO

06/05/2022 0 Di Movimento 5 Stelle Marino

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 859 volte!

Il neosin­da­co Cec­chi e la sua Giun­ta non rispon­dono alle inter­rogazioni sco­mode pre­sen­tate dai con­siglieri dell’Attivismo Parte­ci­pa­to, Bar­bara Cer­ro, Alessan­dro Blaset­ti, Alex Carmesi­ni e Car­lo Col­iz­za. Non solo man­can­do ver­so i pro­pri doveri di trasparen­za e di rispet­to delle pre­rog­a­tive dei Con­siglieri di mino­ran­za e dei cit­ta­di­ni da loro rap­p­re­sen­tati, ma in aper­ta vio­lazione del Rego­la­men­to di Con­siglio comunale.

Tale Rego­la­men­to, infat­ti, impor­rebbe di rispon­dere alle inter­rogazioni scritte entro 10 giorni, ma a dis­tan­za di 40, 30 o 20 giorni nes­suna rispos­ta è giun­ta su temi impor­tan­ti, quali il com­ple­ta­men­to del­la pista cicla­bile di via Mameli, il ban­do Ossigeno (nuovi alberi), il com­ple­ta­men­to del­la fibra otti­ca comu­nale ed il com­ple­ta­men­to del prog­et­to Ter­ri­to­rio sicuro (videosorveg­lian­za).

Già in prece­den­za alle inter­rogazioni sul cen­tro anziani di Frat­toc­chie e sul liceo artis­ti­co era­no giunte risposte vaghe ed in grave ritar­do.

Evi­den­te­mente la Giun­ta è in imbaraz­zo, per impreparazione o per scelte politiche che non riesce a pren­dere o per le quali non intende ren­dere con­to all’ampia parte di cit­tad­i­nan­za rap­p­re­sen­ta­ta dall’Attivismo Partecipato.

A nul­la sono valse le richi­este di inter­ven­to dirette anche al Pres­i­dente del con­siglio comu­nale Pisani che, tra i suoi doveri, avrebbe quel­lo di far­si garante del rispet­to delle pre­rog­a­tive dei Con­siglieri comu­nali. Un Pres­i­dente anco­ra molto impeg­na­to sui social in una cam­pagna elet­torale fini­ta da mesi.

La richi­es­ta di inter­ven­to invi­a­ta al Prefet­to si è resa alla fine nec­es­saria.