Acate, Caramanica(Rea): “Bene stop cavallo come premio lotteria: legge più forte di tradizioni”

Acate, Caramanica(Rea): “Bene stop cavallo come premio lotteria: legge più forte di tradizioni”

06/05/2022 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 513 volte!

“Appren­di­amo con sol­lie­vo che l’amministrazione comu­nale di Acate avrebbe ritrova­to lucid­ità e avrebbe deciso, pur man­te­nen­do il cav­al­lo come sim­bo­lo del­la fes­ta, di cor­rispon­dere al vinci­tore del­la lot­te­ria di San Vin­cen­zo solo l’equivalente in denaro del suo val­ore. Cav­al­lo che, in un pri­mo momen­to, lo ricor­diamo, era sta­to mes­so in palio come pre­mio in maniera dis­umana e total­mente illog­i­ca: una scelta assur­da, che Riv­o­luzione Ecol­o­gista Ani­mal­ista ave­va subito bol­la­to come medio­e­vale e lesi­va dei dirit­ti dell’animale. Pren­di­amo dunque atto del cam­bio di pas­so del Comune, sot­to­lin­e­an­do che al di la delle tradizioni esistono leg­gi e dis­po­sizioni a tutela degli ani­mali che van­no rispet­tati. E nel caso speci­fi­co di Acate, era evi­dente la totale inosser­van­za del­l’art 11 del rego­la­men­to comu­nale per il benessere ani­male da parte del pri­mo cit­tadi­no: colui che invece dovrebbe tute­lare e difend­ere gli ani­mali del suo ter­ri­to­rio. Ci auguri­amo che quan­to accadu­to, non si ripeta più, anzi che anche nel Comune del ragu­sano si inizi a lavo­rare seri­amente per la tutela degli animali”.

Cosi, in una nota, il seg­re­tario nazionale del par­ti­to Riv­o­luzione Ecol­o­gista Ani­mal­ista, Gabriel­la Caramanica.