Lazio, Assotutela: “bonus tarda, comune indugia: disabili dimenticati”

Lazio, Assotutela: “bonus tarda, comune indugia: disabili dimenticati”

09/03/2022 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1165 volte!

“Nel­la Gior­na­ta inter­nazionale per i dirit­ti delle donne, abbi­amo man­i­fes­ta­to la nos­tra vic­i­nan­za a tutte le donne che si trovano in dif­fi­coltà, in par­ti­co­lare alle donne ucraine in fuga dal dis­as­tro per sal­vare le loro famiglie. C’è però una cat­e­go­ria di donne con cui ci siamo sen­ti­ti par­ti­co­lar­mente sol­i­dali: quelle che assistono un con­giun­to dis­abile e che da due mesi atten­dono un dirit­to che viene nega­to”. Lo dichiara il pres­i­dente di Asso­Tutela Michel Mar­i­ta­to che spie­ga: “Il bonus per l’accudimento, chi­ami­amo­lo così, di un figlio, un gen­i­tore, un con­giun­to dis­abile, che ammon­ta a 700 euro, quan­to un red­di­to di cit­tad­i­nan­za, da due mesi giace in qualche cas­set­to delle isti­tuzioni com­pe­ten­ti, Comune e/o Regione men­tre migli­a­ia di famiglie, par­liamo di 3500 nuclei, atten­dono invian­do appel­li ovunque, purtrop­po inascoltati. Nes­suno si cura di tale emer­gen­za – con­tin­ua il pres­i­dente – nonos­tante per molti sia l’unica fonte di red­di­to. Par­liamo, nel­la mag­gior parte dei casi, di donne costrette a las­cia­re il lavoro per seguire i pro­pri figli che pos­sono con­fi­dare esclu­si­va­mente su quel­la entra­ta. Vor­rem­mo sapere qual è la moti­vazione che bloc­ca la pub­bli­cazione delle grad­u­a­to­rie da parte degli uffi­ci capi­toli­ni oppure, se il prob­le­ma risale alla fonte ovvero, alla erogazione dei fon­di da parte del­la Regione Lazio. In entram­bi i casi, chiedi­amo rispet­ti­va­mente a Gualtieri e Zin­garet­ti, di dare una rispos­ta a queste per­sone dis­per­ate”, chiosa Maritato.