Mafia, Maritato: “Cultura, un antidoto anti crimine”

Mafia, Maritato: “Cultura, un antidoto anti crimine”

14/02/2022 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 914 volte!

“Ha fat­to il pieno di ascolti la pun­ta­ta di domeni­ca 13 feb­braio di “Cri­m­i­ni e crim­i­nolo­gia”, con­dot­ta da Fabio Camil­lac­ci, con numerosi e qual­i­fi­cati ospi­ti esper­ti del fenom­e­no Mafia, in tutte le sue accezioni. Ė sta­ta l’analisi sul­la camor­ra a destare un vivo inter­esse fra gli ascolta­tori. In stu­dio Michel Mar­i­ta­to, gior­nal­ista e crim­i­nol­o­go, ha riper­cor­so le vicende salien­ti di Cuto­lo e sodali, insieme a Peppe Mon­tanile, già sin­da­co di Brus­ciano, che ha rac­con­ta­to la mas­s­ic­cia pre­sen­za del­la crim­i­nal­ità orga­niz­za­ta pres­so questo cen­tro del napo­le­tano, unicum nel­la sto­ria giudiziaria per aver assis­ti­to alla esclu­sione del­la lista di Mon­tanile dal­la com­pe­tizione elet­torale con il para­dos­so, nel 2021, di un uni­co can­dida­to sin­da­co. “Prob­a­bil­mente – sot­to­lin­ea Mar­i­ta­to – l’ex sin­da­co ave­va un pre­sen­ta­to un pro­gram­ma basato sul­la cul­tura e la cul­tura è ciò che spaven­ta la crim­i­nal­ità orga­niz­za­ta. Dove c’è cul­tura – tuona il gior­nal­ista – i boss si spaven­tano e la camor­ra non ha ragione di esistere”. Ril­e­vante l’apporto di altri inter­venu­ti, tra cui il gior­nal­ista del Mat­ti­no Anto­nio Mat­tone e Anto­nio Nica­so, gior­nal­ista e sag­gista che  nel 1995 ha pub­bli­ca­to Glob­al Mafia, in cui spie­ga il con­cet­to di ‘parte­nar­i­a­to crim­i­nale’. Per l’occasione, Mar­i­ta­to ha annun­ci­a­to di vol­er pre­mi­are Peppe Mon­tanile nel­la prossi­ma edi­zione del pre­mio eccel­len­ze ital­iane, pro­mosso da Asso­Tutela, asso­ci­azione per la dife­sa dei dirit­ti, che il gior­nal­ista crim­i­nol­o­go pre­siede da anni.