Assotutela: “Atac: ennesimo stop e linee fantasma”

Assotutela: “Atac: ennesimo stop e linee fantasma”

17/01/2022 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 680 volte!

“Sciopero Atac ci risi­amo. Pun­tuale come il panet­tone, preved­i­bile come la tas­sa sui rifiu­ti, è arri­vata la pri­ma sospen­sione dei mezzi pub­bli­ci, come sem­pre di ven­erdì, il ter­zo ven­erdì del nuo­vo anno”. Lo dichiara il pres­i­dente di Asso­Tutela Michel Mar­i­ta­to che incalza: “Non si è per­so tem­po, i sin­da­cati si sono mes­si subito all’opera, con una piattafor­ma che rical­ca, più o meno le prece­den­ti: sicurez­za sui mezzi pub­bli­ci, con­dizioni igien­iche non otti­mali, riscal­da­men­ti non fun­zio­nan­ti a cui si aggiunge, ciliegi­na sul­la tor­ta, la richi­es­ta di mag­giori garanzie anti­con­ta­gio. Difendi­amo il sacrosan­to dirit­to allo sciopero, con­quista dei lavo­ra­tori ma in un momen­to di dif­fi­coltà come quel­lo attuale – con­tin­ua il pres­i­dente – ci chiedi­amo quan­to sia oppor­tuno aggiun­gere ulte­ri­ori pene a cit­ta­di­ni già stremati da divi­eti e obb­lighi, specie per quan­to riguar­da il trasporto pub­bli­co, su cui neces­si­ta da alcu­ni giorni, il super green pass per accedere. Ci chiedi­amo inoltre come siano orga­niz­za­ti i servizi, con­sid­er­a­to che ogni tan­to si vedono sfrec­cia­re bus ded­i­cati a servizi spe­ciali com­ple­ta­mente vuoti. Così come è insp­ie­ga­bile, a tre set­ti­mane dal­la ria­per­tu­ra del­la fer­ma­ta Poli­clin­i­co, ved­er girare a vuo­to la navet­ta cir­co­lare MB20 Ter­mi­ni-Tiburtina-Ter­mi­ni con stop pro­prio al Poli­clin­i­co e a Cas­tro Pre­to­rio, altra stazione chiusa per lun­go tem­po ma ormai ria­per­ta. Sono 4 auto­bus e 102 corse che ven­gono quo­tid­i­ana­mente dis­tolte dal­la rete ordi­nar­ia, in una zona già den­sa­mente servi­ta non solo dal­la met­ro­pol­i­tana ma anche dalle linee 310, 492 e 649, oltre che dai col­lega­men­ti di Astral S08, S11 ed S14. Tutte corse che andreb­bero mon­i­torate e ottimiz­zate per un trasporto più ind­i­riz­za­to alle reali neces­sità dei cit­ta­di­ni” chiosa il presidente.