Lazio, Assotutela: “Da rifiuti a risorsa, opportunità da seguire”

Lazio, Assotutela: “Da rifiuti a risorsa, opportunità da seguire”

23/12/2021 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1158 volte!

“Nes­suna novità dal Rap­por­to Rifiu­ti urbani a cura dell’Ispra, rel­a­ti­vo all’anno 2021. Cam­pa­nia e Lazio si aggiu­di­cano il non invidi­a­bile pri­ma­to di ‘esportazione’ di pat­tume urbano, con rel­a­tivi costi”. Lo dichiara il pres­i­dente di Asso­Tutela Michel Mar­i­ta­to che esprime alcune con­sid­er­azioni: “Sper­ava­mo in un dono di Natale da parte dei nos­tri ammin­is­tra­tori ma non accade nul­la di tut­to ciò. Il Lazio è una delle poche regioni che anco­ra non riesce a trasfor­mare i rifiu­ti in risor­sa – attac­ca Mar­i­ta­to — e da cir­ca un decen­nio non si è mosso nul­la per tute­lare i ter­ri­tori e assi­cu­rare ai comu­ni una fun­zio­nante ges­tione del­lo smal­ti­men­to degli stes­si. Roma è la cit­tà che sta pagan­do più di tut­ti e a nul­la val­go­no le acrobazie del­la nuo­va ammin­is­trazione per garan­tire un min­i­mo di decen­za e deco­ro urbano, con­sid­er­a­to che c’è un prob­le­ma a monte”. Il pres­i­dente for­nisce alcune indi­cazioni: “Bisogna chi­ud­ere il ciclo dei rifiu­ti nel­la Cap­i­tale, sen­za trasfer­i­men­ti in altre province e regioni. Sarebbe inoltre nec­es­sario real­iz­zare un nuo­vo impianto non lon­tano da Roma e teso all’economia cir­co­lare. Si deve puntare al rici­clo e riu­ti­liz­zo delle materie prime sec­on­do gli stan­dard europei. Altre regioni su questo argo­men­to han­no trat­to prof­it­to, trasfor­man­do il mate­ri­ale di scar­to in risor­sa. Vor­rem­mo che questo fos­se pos­si­bile nel Lazio quan­to pri­ma, per lib­er­are Roma e i comu­ni region­ali dal­la insop­porta­bile mor­sa del­la ‘mon­nez­za’ e del degra­do”, chiosa Maritato