Stampa, Assotutela: “Pensiero ai nostri giornalisti simbolo di libertà e democrazia”

Stampa, Assotutela: “Pensiero ai nostri giornalisti simbolo di libertà e democrazia”

02/11/2021 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 540 volte!

“Oggi il nos­tro pen­siero va a una cat­e­go­ria fon­da­men­tale per la nos­tra democrazia, che trop­po spes­so è col­pi­ta dagli strali del qualun­quis­mo e del­la super­fi­cial­ità, e a volte purtrop­po dal­la vio­len­za. Par­liamo degli oper­a­tori dell’informazione, a cui, in occa­sione del­la ‘Gior­na­ta mon­di­ale con­tro l’impunità per i cri­m­i­ni ver­so i gior­nal­isti’, vogliamo dedi­care una rif­les­sione”. Lo dichiara il pres­i­dente di Asso­Tutela Michel Mar­i­ta­to, che asso­cia la ricor­ren­za del 2 novem­bre, giorno ded­i­ca­to ai nos­tri cari che ci han­no las­ci­a­to, ai cro­nisti che, nell’adempimento del pro­prio dovere han­no per­so la vita: “Il mio pen­siero va ai col­leghi mor­ti per rac­con­tare ciò che avviene nel mon­do, per riv­e­lare la ver­ità. In Italia sono 22 i gior­nal­isti e le gior­nal­iste che vivono sot­to scor­ta di pri­mo liv­el­lo e 180 sot­to pro­tezione. Non impor­ta che usi­no la pen­na, lo smart­phone, un micro­fono o la tele­cam­era: impor­ta che com­piano il pro­prio dovere, al servizio di una col­let­tiv­ità che diven­ta essa stes­sa vit­ti­ma di chi prat­i­ca qual­si­asi tipo di offe­sa o di vio­len­za a questi nar­ra­tori dei nos­tri tem­pi”, sot­to­lin­ea il presidente.
“Aggres­sivi, con­tro i gior­nal­isti, sono col­oro che non vogliono che vengano sve­late mag­a­gne, intral­lazzi e cor­rot­to eser­cizio del potere. Intim­i­dazioni, minac­ce, molestie e aggres­sioni, querele temer­arie, sono i frut­ti avve­le­nati di questo cli­ma quan­do non si ricorre, come in alcu­ni pae­si privi di democrazia, a meto­di ancor più insidiosi. Occorre pro­teggere gli oper­a­tori dell’informazione, con tut­ti i mezzi e le isti­tuzioni deb­bono far­si cari­co di questo, per­ché ogni for­ma di attac­co ai gior­nal­isti è un attac­co alla nos­tra democrazia” chiosa il presidente.