Marino. Frattocchie. Pugno in faccia di denuncia di Cavacchioli sull’Appia Antica. Breve commento del vicesindaco Tiberi.

07/01/2019 0 Di Maurizio Aversa

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2368 volte!

Il dott. Mar­co Cavac­chi­oli, arche­ol­o­go, è da sem­pre impeg­na­to nel ter­ri­to­rio mari­nese e dei Castel­li romani nel­la pro­tezione e tutela e stu­dio e sal­va­guardia del grande giaci­men­to arche­o­logi­co che esiste qui in ogni dove. Mar­co Cavac­chi­oli, evi­den­te­mente, ritiene che la misura è col­ma, e sfer­ra un pug­no. Un pug­no in fac­cia a chi usa com­por­ta­men­ti da soci­età cul­tural­mente povera. Ma, riman­da, nel suo denun­cia­re soprat­tut­to alle forze politiche e sociali che deten­gono il potere isti­tuzionale ed eco­nom­i­co nel nos­tro Paese. Per questo ha deciso di dare una forza esplica­ti­va, con pochi trat­ti di com­men­to e con  48 fotogram­mi mon­tati in loop, che nes­suno rius­cirà a scor­rere sen­za riflet­tere, sen­za schier­ar­si, sen­za chieder­si, sen­za assumere un po’ di coscien­za in più di quan­do non ave­va vis­to questo sem­plice mon­tag­gio ragion­a­to. Dice l’archeologo: “Un video, sequen­za di immag­i­ni che rac­con­tano lo sta­to del­l’ul­ti­ma parte del Par­co Appia Anti­ca, a Frat­toc­chie, dove il trac­cia­to anti­co si inabis­sa sot­to una cop­er­ta d’as­fal­to e seg­na una frat­tura net­ta con il con­tem­po­ra­neo. Ter­ri­to­rio for­gia­to dal­l’a­n­ar­chia urban­is­ti­ca sul­lo schema di una bidonville, nucleo di mon­nez­za, degra­do e ter­ra di nes­suno. Degra­do architet­ton­i­co e topografi­co gen­i­tore di degra­do ambi­en­tale.” ; e poi con­clude: “Eter­no para­dos­so e con­trasto tra le più alte creazioni del­l’ingeg­ne­r­ia romana e le più bieche e per­verse pul­sioni umane di dev­as­tazione. Area orfana di un con­cet­to, di un obi­et­ti­vo, di una strate­gia, zup­pa di parole vac­ue e procla­mi ster­ili. Area defib­ril­la­ta e tenu­ta in rian­i­mazione da uomi­ni e donne per i quali arren­der­si è morire.”. E’ cer­to che il richi­amo a Plinio e Warhol, che campeg­giano all’interno del blog “Appia Bovil­lae Mari­no Blog” di Cavac­chi­oli,(https://vimeo.com/309435532) sono l’esatta sin­te­si del­la denun­cia e del “che fare” di cui si urla sot­tin­ten­den­dola, la neces­sità. Sul­la Blog-divul­gazione del dott. Cavac­chi­oli, abbi­amo chiesto un com­men­to all’assessore alla cul­tura del comune di Mari­no, che didas­cali­ca­mente ci ha invi­a­to la pro­pria opin­ione. Non mi sen­to di dire molto, le immag­i­ni urlano da sé , ci ha det­to il vicensin­da­co Pao­la Tiberi: “La ‘mon­nez­za’ coz­za con la grande bellez­za arche­o­log­i­ca e nat­u­ral­is­ti­ca del­l’Ap­pia Anti­ca. Un luo­go uni­co nel suo genere. Le immag­i­ni, in bian­co e nero, edul­co­ra­no una situ­azione di inciviltà preoccupante.”.