Ariccia, i Geologi del Lazio al Workshop di Protezione Civile: rischi naturali e gestione delle emergenze nei Colli Albani

Ariccia, i Geologi del Lazio al Workshop di Protezione Civile: rischi naturali e gestione delle emergenze nei Colli Albani

25/06/2018 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1933 volte!

La Cit­tà Met­ro­pol­i­tana di Roma Cap­i­tale — Dipar­ti­men­to VI “Piani­fi­cazione Ter­ri­to­ri­ale Gen­erale”- Servizio 3 -“Geo­logi­co, dife­sa del suo­lo e pro­tezione civile in ambito met­ro­pol­i­tano” nel­la per­sona del Dott. Alessio Argen­tieri, in col­lab­o­razione con l’Or­dine dei Geolo­gi del Lazio ed il Comune di Aric­cia, han­no orga­niz­za­to nel pomerig­gio di ven­erdì 22 giug­no, un work­shop sui rischi ter­ri­to­ri­ali e sul sis­tema di ges­tione delle emer­gen­ze a liv­el­lo locale. Tan­ti gli esper­ti di set­tore, i pro­fes­sion­isti e gli espo­nen­ti isti­tuzion­ali, pre­sen­ti all’even­to. “Scopo del­l’inizia­ti­va — sot­to­lin­ea il pres­i­dente del­l’Or­dine dei Geolo­gi del Lazio, Rober­to Tron­car­el­li — è sta­to quel­lo di infor­mare e sen­si­bi­liz­zare gli ammin­is­tra­tori, i dipen­den­ti comu­nali, i volon­tari del­la Pro­tezione Civile locale nonché i pro­fes­sion­isti che oper­a­no nel set­tore sui rischi speci­fi­ci cui i medes­i­mi sono poten­zial­mente esposti nel cor­so del­la loro attiv­ità, per con­sen­tire loro di affrontare con mag­giore con­sapev­olez­za e ed effi­cien­za oper­a­ti­va le varie tipolo­gie di emer­gen­ze. L’at­tiv­ità infor­ma­ti­va è sta­ta riv­ol­ta altresì alla cit­tad­i­nan­za. Si è riv­e­la­to un con­veg­no davvero molto inter­es­sante, che ha por­ta­to l’at­ten­zione su temi pri­or­i­tari, che tira­no in bal­lo la sicurez­za dei nos­tri ter­ri­tori e del­la nos­tra comu­nità. Temi che il nos­tro Ordine sen­si­bi­liz­za da tempo”.

Nel cor­so del­la gior­na­ta di lavori, anda­ta in sce­na nel­lo stori­co Palaz­zo Chi­gi di Aric­cia, si è infat­ti par­la­to di pre­vi­sione e pre­ven­zione dei rischi geo­logi­ci e di dif­fu­sione del­la cul­tura del­la pro­tezione civile, di quan­to è sta­to fat­to e di quan­to anco­ra ci sia da fare, del­la peri­colosità vul­cani­ca e sis­mi­ca del Col­li Albani, delle emis­sioni di gas endo­geni sia nei Col­li Albani che nel­la porzione sud-ori­en­tale dell’area met­ro­pol­i­tana di Roma. Temi attuali e del­i­cati, al pari del sis­tema regionale di Pro­tezione Civile, del disses­to idro­ge­o­logi­co e del ruo­lo del­la Cit­tà Met­ro­pol­i­tana nel sis­tema di pro­tezione civile, del coor­di­na­men­to delle Prefet­ture, e dell’Esercitazione Faerex 2018. “Nel mio inter­ven­to — affer­ma la Coor­di­na­trice del­la Com­mis­sione di Pro­tezione Civile dell’Ordine dei Geolo­gi del Lazio, Mari­na Fab­bri — ho illus­tra­to il per­cor­so for­ma­ti­vo che ha por­ta­to alla creazione del Grup­po di Pro­tezione Civile del nos­tro Ordine, delle con­ven­zioni e delle attiv­ità orga­niz­zate dall’Ordine dei Geolo­gi del Lazio, nonché di quelle poste in essere nel quadro di pro­tezione civile regionale e nazionale nelle zone dell’Italia cen­trale col­pite dagli aven­ti sis­mi­ci del 2016/2017 e del­la parte­ci­pazione alla recente eserci­tazione regionale di pro­tezione civile FLARE 2018 che si è tenu­ta nel mese di mag­gio nei comu­ni viterbe­si di Tar­quinia e Mon­tal­to di Cas­tro”, ha con­clu­so Mari­na Fabbri