“COLLABORARE PER IMPARARE” IV CONVEGNO INTERNAZIONALE DI DIDATTICA CAPOVOLTA, IL NUOVO MODO DI ESSERE SCUOLA

“COLLABORARE PER IMPARARE” IV CONVEGNO INTERNAZIONALE DI DIDATTICA CAPOVOLTA, IL NUOVO MODO DI ESSERE SCUOLA

04/02/2018 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 2351 volte!

“COLLABORARE PER IMPARARE”

IV CONVEGNO INTERNAZIONALE DI DIDATTICA CAPOVOLTA, IL NUOVO MODO DI ESSERE SCUOLA

Saba­to 24 feb­braio 2018

Uni­ver­sità degli Stu­di Roma3, via Sil­vio d’Amico 77 — Roma

(dalle 10 alle 17)

 

3.000 docen­ti capo­volti in tut­ta Italia, 4.000 asso­ciati, 50.000 iscrit­ti al grup­po Face­book, 900 parte­ci­pan­ti ai webi­nar set­ti­manali: questi sono alcu­ni dei numeri di Flip­net, l’Associazione per la pro­mozione del­la didat­ti­ca capo­vol­ta, metodolo­gia che sta riv­o­luzio­nan­do il modo di fare scuo­la in Italia e in molti pae­si del mondo.

Per sco­prir­la, sper­i­men­ta­r­la e imple­men­tar­la, saba­to 24 feb­braio a Roma pres­so l’Università degli Stu­di Roma3 (via Sil­vio d’Amico, 77) si ter­rà il IV con­veg­no inter­nazionale di didat­ti­ca capo­vol­ta dal tito­lo “Col­lab­o­rare per impara­re”.

Il con­veg­no svilup­pa la com­pe­ten­za sociale e civi­ca, ses­ta delle com­pe­ten­ze europee per l’apprendimento per­ma­nente, indi­cate nel­la Rac­co­man­dazione del Par­la­men­to Europeo e del Con­siglio (G.U. dell’Unione Euro­pea, 18 dicem­bre 2006), recepi­ta dagli Sta­ti mem­bri, inclusa l’Italia.

In che modo? La didat­ti­ca capo­vol­ta (flipped class­room in inglese) è una metodolo­gia inno­v­a­ti­va d’insegnamento che mira a coin­vol­gere gli stu­den­ti nelle attiv­ità didat­tiche tramite l’apprendimento coop­er­a­ti­vo, che con­sente loro di esercitare e svilup­pare le abil­ità relazion­ali, comu­nica­tive e negoziali utili non solo a scuo­la, ma nei più diver­si con­testi sociali.

Mette la tec­nolo­gia al servizio dell’apprendimento, ren­den­do­lo così più “sem­plice”, dinam­i­co e qual­i­ta­ti­va­mente migliore. Se a scuo­la la lezione viene coa­d­i­u­va­ta dall’uso di tablet e altre tec­nolo­gie, a casa — e non solo… ovunque vi sia una con­nes­sione inter­net! — gli alun­ni pos­sono rivedere la lezione in pod­cast, capire meglio ciò che in classe non han­no appre­so e con­di­videre online con i pro­pri com­pag­ni, dub­bi, dif­fi­coltà e risultati.

L’apprendimento miglio­ra per­ché i ragazzi sono più moti­vati e il docente ha più tem­po, in aula, per occu­par­si dei bisog­ni di cias­cun alunno.

“Che mon­do tro­ver­an­no i nos­tri figli quan­do ter­min­er­an­no i loro stu­di, lo pos­si­amo prevedere?” — si inter­ro­ga Mau­r­izio Maglioni, pres­i­dente dell’Associazione Flip­net. “Dob­bi­amo asso­lu­ta­mente evitare che fra quindi­ci anni, loro ci chiedano il per­ché li abbi­amo preparati a vivere in un mon­do che non esiste più… Allo­ra il nos­tro prog­et­to è: attiv­ità, lavoro coop­er­a­ti­vo, sport, benessere, cre­ativ­ità e bellez­za, natu­ra e digitale.”

A par­lare di tut­to questo la mat­ti­na, con­frontan­do le espe­rien­ze nei più diver­si campi e pre­sen­tan­do le best prac­tices, docen­ti ed esper­ti ital­iani e stranieri, come: Dario Ianes e Mau­r­izio Maglioni, che pre­sen­ter­an­no il nuo­vo sag­gio “Capo­vol­gere la scuo­la”, una pro­pos­ta educa­ti­va nuo­va, inclu­si­va ed emozio­nante, vic­i­na alle reali esi­gen­ze del bam­bi­no e del ragaz­zo del ven­tunes­i­mo sec­o­lo che mal sop­por­ta il sapere mnemon­i­co e l’ascolto pas­si­vo; Alessan­dra Ruc­ci, una diri­gente sco­las­ti­ca con­tro­cor­rente che dimostr­erà come si può cam­biare la scuo­la unen­do la lead­er­ship comu­nica­ti­va ed empat­i­ca alla capac­ità di cogliere ogni occa­sione di miglio­ra­men­to; Daniela Di Dona­to, che farà rac­con­tare a un grup­po di ragazzi la loro espe­rien­za con la classe capo­vol­ta; Mari­ka Toivola e Domin­go Chi­ca Par­do che illus­tr­eran­no i risul­tati del flipped learn­ing nei loro pae­si, Fin­lan­dia e Spagna.

Nel pomerig­gio sarà la vol­ta dei work­shop lab­o­ra­to­ri­ali: 7 work­shop che offrono un ven­taglio di espe­rien­ze e rif­les­sioni: il rap­por­to tra la tec­nolo­gia e le relazioni inter­per­son­ali (Andrea Nicolosi), la realtà vir­tuale nel­la didat­ti­ca (Cristi­na Braila), il dibat­ti­to argo­men­ta­ti­vo (Grazia Pal­adi­no), i pon­ti tra let­ter­atu­ra, poe­sia e i prob­le­mi reali (Francesca Di Mar­co), la rif­les­sione sulle strate­gie per rag­giun­gere la felic­ità (Vanes­sa Sitzia e Rita Faustinel­la), l’ap­prendi­men­to capo­volto delle lingue straniere (Irene Bres­san) e lo svilup­po del pen­siero logi­co, sociale ed emo­ti­vo con i mat­tonci­ni Lego (Cecil­ia Staiano).

I docen­ti avran­no modo di impara­re un nuo­vo modo effi­cace di fare, anzi di essere scuo­la assieme ai pro­pri stu­den­ti, e di acquisire stru­men­ti vali­di da uti­liz­zare in classe.

Per parte­ci­pare è nec­es­sario iscriver­si. È pos­si­bile uti­liz­zare la Car­ta del Docente.

ISCRIZIONI APERTE

  • PER SINGOLI DOCENTI:

https://flipnet.it/iscrizioni-convegno-24-febbraio-2018/

  • PER SEGRETERIE SCOLASTICHE:

https://flipnet.it/iscrizione-convegno-scuole-pubbliche/

Per i Diri­gen­ti sco­las­ti­ci è disponi­bile un numero lim­i­ta­to di posti ris­er­vati a tito­lo gra­tu­ito (pre­via richi­es­ta a info@flipnet.it)

PROGRAMMA AGGIORNATO CON I VIDEOTRAILER DI OGNI INTERVENTO

http://flipnet.it/wp-content/uploads/2018/01/A4-programma-convegno-per-stampa.pdf