PCI LAZIO. SEU:  DOPO SUCCESSI INIZIATIVE PUBBLICHE, NUOVA TAPPA ORGANIZZATIVA E PREPARAZIONE MANIFESTAZIONE EUROSTOP.

PCI LAZIO. SEU: DOPO SUCCESSI INIZIATIVE PUBBLICHE, NUOVA TAPPA ORGANIZZATIVA E PREPARAZIONE MANIFESTAZIONE EUROSTOP.

05/03/2017 0 Di Maurizio Aversa

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 3589 volte!

Il Par­ti­to Comu­nista Ital­iano, Comi­ta­to Regionale del Lazio, si è riu­ni­to ven­erdì 3 mar­zo a Roma. Vir­gilio Seu, seg­re­tario regionale, ha indicato:
“A segui­to di numerose assem­blee e inizia­tive locali si è potu­to dare segui­to ad una anal­isi sul­la fase polit­i­ca attuale e sui com­pi­ti che i comu­nisti si assumono per riportare a far con­tare i lavo­ra­tori, i sen­za lavoro e le decine di migli­a­ia di famiglie che – pen­sion­ati o arti­giani e com­mer­cianti – sono pre­si dal­la mor­sa di un sis­tema eco­nom­i­co cap­i­tal­ista che il Gov­er­no non ten­ta nem­meno di con­trastare. Gov­er­no che, anzi, è al servizio delle scelte politiche ed eco­nomiche euro­cen­triche, asservite a loro vol­ta ai dic­tat del cap­i­tal­is­mo amer­i­cano pure nel­la ver­sione aggres­si­va del­la NATO, in Europa e nel mondo”.
Anche i numerosi inter­ven­ti del dibat­ti­to han­no cen­tra­to la crit­i­ca e la neces­sità di una fase di lot­ta come sarà nel caso dell’appuntamento a Roma il 25 mar­zo con Eurostop. La man­i­fes­tazione che tes­ti­monierà, sen­za alcu­na ambi­gu­i­tà, che ques­ta Europa è irri­forma­bile; la mobil­i­tazione avver­rà pro­prio il giorno in cui decine di capi di sta­to e di gov­er­no vor­reb­bero cel­e­brare le mag­ni­fiche sor­ti di ques­ta Ue che ha già sbrana­to la Gre­cia e che sta affaman­do centi­na­ia di migli­a­ia di lavo­ra­tori e di gio­vani nel continente.
“Pro­prio per questo – ha ripreso nelle con­clu­sioni Seu – rite­ni­amo che le inizia­tive che abbi­amo sostenu­to, sia a Livorno il 21 gen­naio per la ricor­ren­za del­la nasci­ta del PCI; sia a Mon­tecito­rio riven­di­can­do il dirit­to alla salute pub­bli­ca e gra­tui­ta per tut­ti; sia il 25 feb­braio all’incontro da noi pro­mosso sui Comu­nisti e l’Europa a cui han­no parte­ci­pa­to Par­ti­ti Comu­nisti europei e pres­ti­giosi econ­o­misti ital­iani; sono tutte nel sol­co ant­i­cap­i­tal­ista che sti­amo trac­cian­do per essere rifer­i­men­to cer­to e sicuro per gli sfrut­tati e i lavo­ra­tori. Lon­tano da posizioni codine figlie di sub­al­ter­nità, e lon­tano da pop­ulis­mi qualun­quisti. Il 25 mar­zo a Roma vogliamo las­cia­re il seg­no; così come, in modo altret­tan­to deter­mi­na­to sare­mo pre­sen­ti il pri­mo aprile a Frosi­none, dove la forte orga­niz­zazione comu­nista cio­cia­ra sta preparan­do un impor­tante appun­ta­men­to sul lavoro”.
Da molti com­pag­ni e com­pagne è sta­to poi crit­i­ca­to il ver­gog­noso liv­el­lo di ostracis­mo e/o dis­at­ten­zione dei media, in specie quel­li che devono garan­tire un servizio pub­bli­co di infor­mazione, nei con­fron­ti dei temi e delle vie d’uscita che i comu­nisti prospet­tano. A questo propos­i­to è sta­to rep­u­ta­to pun­tuale e gius­to l’attacco con­tenu­to nel­la let­tera aper­ta che il PCI ha riv­olto al Garante per l’Informazione e alla RAI. Infine, la riu­nione è sta­ta anche occa­sione per com­pletare l’assetto orga­niz­za­ti­vo del Comi­ta­to Regionale del Lazio. Infat­ti il seg­re­tario ha pro­pos­to la seg­rete­ria polit­i­ca che porterà avan­ti il Par­ti­to d’ora in avan­ti. Oltre a Vir­gilio Seu, sono parte del­la seg­rete­ria: Agnese Pal­ma, Tesoriere; Loredana Sen­soni, Orga­niz­zazione; Cristi­na Ben­venu­ti, Movi­men­ti e Lotte; Ste­fano Miche­li, Enti Locali e Isti­tuzioni; Carmine Fedele, Lavoro; Mau­r­izio Aver­sa, Comu­ni­cazione. L’intera pro­pos­ta è sta­ta vota­ta all’unanimità.