Seminario sull’architettura intelligente applicata alla Smart City La Vertical Urban Farm dei fratelli Acciarito di Giulianello di Cori cattura l’attenzione di studiosi e professionisti del settore Prossimo appuntamento con ‘Farmduepunto zero’ a Novembre, a Latina

Seminario sull’architettura intelligente applicata alla Smart City La Vertical Urban Farm dei fratelli Acciarito di Giulianello di Cori cattura l’attenzione di studiosi e professionisti del settore Prossimo appuntamento con ‘Farmduepunto zero’ a Novembre, a Latina

25/10/2015 0 Di Marco Castaldi

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 4175 volte!

UN MOMENTO DELL'INTERVENTO DI EMANUEL ACCIARITOLa ricer­ca dell’Atelier Cre­ati­vo degli Architet­ti Accia­r­i­to di Giu­lianel­lo di Cori ‘Far­m­duepun­to zero’ è rius­ci­ta a cat­turare l’attenzione di pro­fes­sori, liberi pro­fes­sion­isti, architet­ti, ingeg­neri, geometri e stu­den­ti che han­no parte­ci­pa­to al sem­i­nario “Uno sguar­do ver­so il futuro. Architet­tura ed effi­cien­za ener­get­i­ca dal­la ver­ti­cal farm alla ter­ra cru­da. Ricer­ca appli­ca­ta alla cit­tà intel­li­gente”, tenu­tosi giovedì pomerig­gio pres­so la sala poli­va­lente dell’Istituto Tec­ni­co Cesare Bat­tisti di Vel­letri. I rela­tori Euge­nio Dibernar­do, San­dro Bologna, Emanuel Accia­r­i­to e Michelan­ge­lo Iadaro­la, han­no illus­tra­to le pro­prie idee, con­sid­er­azioni e visioni in mate­ria di architet­tura ed effi­cien­za ener­get­i­ca, appli­cate alla cit­tà intel­li­gente del futuro.

L’iniziativa orga­niz­za­ta dall’associazione cul­tur­ale “Vel­letri 2030” ha cer­ca­to di dare risposte ad alcune delle domande che si pone la soci­età attuale in mer­i­to al tema trat­ta­to, con pro­poste appar­ente­mente provo­ca­to­rie, che spin­gono a guardare al futuro con l’esperienza del pas­sato, nell’ottica del risparmio ener­geti­co e del­la com­pat­i­bil­ità ambi­en­tale. Ha aper­to il con­veg­no il vice Pres­i­dente dell’associazione orga­niz­za­trice Euge­nio Diben­nar­do, che ha illus­tra­to le tem­atiche e le final­ità dell’incontro. Subito dopo la paro­la è anda­ta al Pres­i­dente dell’associazione cul­tur­ale “Vel­letri 2030”, San­dro Bologna, che ha con­dot­to e mod­er­a­to il dibat­ti­to, dopo aver relazion­a­to sul­la “cit­tà intel­li­gente” e salu­ta­to i rap­p­re­sen­tan­ti del Comune di Vel­letri pre­sen­ti assieme all’assessore Orlan­do Poc­ci.

Poi è inter­venu­to l’architetto di Cori e Giu­lianel­lo Emanuel Accia­r­i­to, par­tendo da una pre­mes­sa: i muta­men­ti cli­mati­ci, la crisi ali­menta­re, l’approvvigionamento ener­geti­co sono le cause prin­ci­pali del­la trasfor­mazione epocale in atto alla quale l’uomo dovrà presto porre rime­dio con azioni mirate a ripristinare un equi­lib­rio che aiu­ti a miglio­rare la qual­ità del­la vita e del piane­ta. Come rispos­ta al prob­le­ma ha pre­sen­ta­to la ricer­ca “far­m­duepun­to zero” che por­ta avan­ti col fratel­lo arch. Alessio Accia­r­i­to. L’architetto ha illus­tra­to i ben­efi­ci pro­dut­tivi e quel­li sociali dell’edificio avveniris­ti­co “Ver­ti­cal Urban Farm”, dove pot­er colti­vare in altez­za prodot­ti agro-ali­men­ta­ri, offren­do anche una soluzione del­la ges­tione dei rifiu­ti nelle gran­di città.

Colti­vazione ver­ti­cale, ges­tione dei rifiu­ti e rici­clo sono alcu­ni dei pun­ti toc­cati da Emanuel Accia­r­i­to pri­ma di entrare nel det­taglio del prog­et­to. Due i pro­totipi prog­et­tati dal­lo stu­dio. Utopia, realtà e futuro sono state le visioni pre­sen­tate nel­la relazione. Dinam­ic­ità, plas­tic­ità e aggre­ga­bil­ità sono gli ele­men­ti che carat­ter­iz­zano il design dei prog­et­ti di “far­m­duepun­to zero”. Un affon­do sul­la tec­nolo­gia costrut­ti­va e uno su quel­la fun­zionale, effi­cien­za ener­get­i­ca e risparmio gli argo­men­ti con i quali l’architetto ha chiu­so il suo inter­ven­to, affer­man­do che: La tradizione con­tad­i­na dei nos­tri ter­ri­tori deve essere con­sid­er­a­ta pat­ri­mo­nio cul­tur­ale ines­tima­bile da sal­va­guardare, per per­me­t­tere alla ricer­ca un’accademica con­sul­tazione nel tem­po, dove pot­er attin­gere seg­reti, espe­rien­ze e lavoro da appli­care alla buona prat­i­ca agri­co­la futu­ra”.

Ha chiu­so i lavori l’ingegnere Michelan­ge­lo Iadaro­la, par­lan­do del mat­tone crudo tradizionale e del­la sua effi­cien­za ener­get­i­ca. Il prog­et­to “far­m­duepun­to zero” sarà dis­cus­so a Lati­na tra qualche set­ti­mana. Info e con­tat­ti: 3477719697 / www.acciarito.com