CAMPIDOGLIO, MARINO ACCOGLIE IMPRENDITORI CINESI ACCOMPAGNATI DA LETTA E AHO

CAMPIDOGLIO, MARINO ACCOGLIE IMPRENDITORI CINESI ACCOMPAGNATI DA LETTA E AHO

19/10/2015 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 4167 volte!

Marino e WeihuaCAMPIDOGLIO, MARINO ACCOGLIE IMPRENDITORI CINESI ACCOMPAGNATI ENRICO LETTA E ESKO AHO

GIORNATA DI LAVORI ORGANIZZATA DA EUROPEAN HOUSE AMBROSETTI PER MIGLIORARE SCAMBI COMMERCIALI

Saba­to pomerig­gio il sin­da­co di Roma, Ignazio Mari­no, ha accolto in Campi­doglio una del­egazione del Chi­na Entre­pre­neur Club (Cec) in visi­ta in Italia e in Ger­ma­nia, accom­pa­g­na­to dagli ex pres­i­den­ti del Con­siglio Enri­co Let­ta e dal suo omol­o­go fin­lan­dese Esko Aho. L’incontro, orga­niz­za­to dal­la Euro­pean House Ambroset­ti e introdot­to dal dott. Vale­rio De Mol­li, si svolge a porte chiuse nel­la sala delle bandiere in Campi­doglio e ha l’obiettivo di raf­forzare e inten­si­fi­care le relazioni com­mer­ciali e la fidu­cia tra le imp­rese europee e asi­atiche. La del­egazione cinese, gui­da­ta dal pres­i­dente del Chi­na Entre­pre­neur Club Ma Wei­hua, rap­p­re­sen­ta la mag­giore asso­ci­azione di imp­rese del­la Cina, e annovera tra i suoi iscrit­ti 31 tra i più influ­en­ti impren­di­tori ed econ­o­misti. Le aziende iscritte al Cec cos­ti­tu­is­cono una parte ril­e­vante del Pil nazionale cinese, con 47 di esse che nel 2013 han­no fat­to reg­is­trare un giro d’affari pari a oltre duemi­la mil­iar­di. “L’Europa – ha sot­to­lin­eato Wei­hua nel suo inter­ven­to – rap­p­re­sen­ta il prin­ci­pale part­ner com­mer­ciale del­la Cina. Dob­bi­amo adop­er­ar­ci, insieme, per miglio­rare gli scam­bi e le oppor­tu­nità di svilup­po. Dob­bi­amo – ha aggiun­to – conoscer­ci meglio e non temer­ci gli uni con gli altri. Le aziende cine­si stan­no investen­do molto nelle loro pro­duzioni, per puntare non soltan­to alla quan­tità ma anche alla qual­ità. Anche nell’ottica di non esaurire le risorse nat­u­rali”, ha quin­di concluso.

delegazione Cec“Siamo qui – ha det­to il sin­da­co di Roma nel suo salu­to di ben­venu­to – anche per trovare insieme la stra­da per crescere insieme. Sap­pi­amo che la Cina sta investen­do molto nelle nuove gen­er­azioni, e che sta colti­van­do un’economia con una vocazione spic­ca­ta ver­so l’internazionalizzazione. È dunque indis­pens­abile pot­er sta­bilire una relazione di mutua col­lab­o­razione e scam­bio di oppor­tu­nità a liv­el­lo nazionale ed Europeo. L’Unione, come ben san­no sia Let­ta che Aho, ha la volon­tà e la neces­sità di con­tin­uare a puntare sull’innovazione per dis­eg­nare il pro­prio futuro. E in questo sen­so deve fare uno sfor­zo mag­giore per far com­pren­dere appieno i suoi obi­et­tivi ai pro­pri cit­ta­di­ni”. Gli impren­di­tori cine­si avran­no nei prossi­mi giorni incon­tri con le imp­rese a tradizione famil­iare più impor­tan­ti d’Italia, oltre che con i ver­ti­ci delle prin­ci­pali istituzioni.