Albano Laziale, Marini: «Governo apra un tavolo di confronto per correttivi al Decreto Immigrazione»

Albano Laziale, Marini: «Governo apra un tavolo di confronto per correttivi al Decreto Immigrazione»

05/01/2019 0 Di puntoacapo
Vis­ite: 264

Il Sin­da­co di Albano Laziale e Pres­i­dente di ANCI Lazio, Nico­la Mari­ni, è inter­venu­to nel dibat­ti­to aper­tosi sul Decre­to Immi­grazione.   

Com­pren­do e con­di­vi­do – ha esor­di­to Mari­ni – le ragioni dei Sin­daci che stan­no espri­men­do in questi giorni la loro opin­ione con­tro questo Decre­to Legge. Un testo che già la com­mis­sione immi­grazione di ANCI, all’unanimità, indipen­den­te­mente dall’appartenenza polit­i­ca, ave­va giu­di­ca­to in maniera neg­a­ti­va. Di fat­to i Comu­ni non pos­sono più rilas­cia­re la Car­ta d’Identità e i Servizi come l’iscrizione al Servizio San­i­tario Nazionale o ai Cen­tri per l’Impiego. Queste per­sone non avran­no quin­di più modo di accedere ai servizi min­i­mi essen­ziali, come una visi­ta med­ica. Negare un dirit­to non farà dell’Italia un Paese più ric­co, più ben­es­tante, più fun­zio­nante. Lo farà, al con­trario, più povero, dal pun­to di vista umano e cul­tur­ale. Per­ché non è toglien­do dirit­ti agli altri che si risolvono i prob­le­mi, ma sem­mai cre­an­do le con­dizioni per una reale ed equa inte­grazione.

È impor­tante che il Gov­er­no Nazionale ascolti le istanze dei Sin­daci apren­do un tavo­lo di con­fron­to per i nec­es­sari cor­ret­tivi, come richiesto dal Pres­i­dente di ANCI Nazionale Decaro. Un pas­so indi­etro , a volte – ha con­clu­so il Sin­da­co di Albano Laziale e Pres­i­dente di ANCI Lazio – cos­ti­tu­isce un seg­no di forza ed intel­li­gen­za, soprat­tut­to se fat­to a tutela dei dirit­ti delle per­sone”. 

Con­di­vi­di:
0