GARA CUP, ASSOTUTELA: “CIANCARELLI FA MEA CULPA. DENUNCIAMO ZINGARETTI”

GARA CUP, ASSOTUTELA: “CIANCARELLI FA MEA CULPA. DENUNCIAMO ZINGARETTI

31/10/2018 0 Di Marco Montini
Vis­ite: 447

Reputi­amo sor­pren­den­ti e illogiche le parole di Rober­ta Cian­car­el­li, pres­i­dente del­la Coop­er­a­ti­va Capo­dar­co, che oggi ha avu­to il cor­ag­gio di esprimere sol­i­da­ri­età ai lavo­ra­tori, scaglian­dosi al con­tem­po con­tro la Regione per chiedere l’annullamento del­la gara Cup. Ricor­diamo alla Cian­car­el­li che se attual­mente 1500 per­sone rischi­ano il pos­to di lavoro il “mer­i­to” lo si deve alle gravi neg­li­gen­ze del con­siglio di ammin­is­trazione del­la Capo­dar­co e del­la sua stes­sa pres­i­dente, con­fer­mate anche dal Tar Lazio, com­piute nei con­fron­ti dell’Inps nel peri­o­do 2017 e che han­no com­por­ta­to l’emissione di un durc neg­a­ti­vo che ha con­dot­to all’esclusione del­la Capo­dar­co da tutte le gare dei Cup, del call cen­ter Recup, e dei servizi ammin­is­tra­tivi del­la AslRm2. Vor­rem­mo sapere, dunque, con quale cor­ag­gio Cian­car­el­li si per­me­tte di fare scar­i­cabar­ile, al solo scopo di nascon­dere la pol­vere sot­to il tap­peto e le sue respon­s­abil­ità di fronte ai poveri lavo­ra­tori del­la Capo­dar­co, che a causa delle inef­fi­cien­ze del cda del­la stes­sa Capo­dar­co e del­la Regione Lazio, rischi­ano adesso di finire per stra­da. E a propos­i­to di Regione, Asso­tutela ha denun­ci­a­to Zin­garet­ti e la sua Giun­ta alla Procu­ra del­la Repub­bli­ca per tur­ba­ti­va d’asta. Infat­ti la Regione riconoscerebbe alle ditte che si sono aggiu­di­cate la gara del Cup del 2015, il rim­bor­so per le spese sostenute da queste aziende per pagare l’anzianità ai lavo­ra­tori nel cam­bio appal­to, alteran­do la gara e le offerte tra i con­cor­ren­ti. In questo modo riconoscen­do un com­pen­so pos­tu­mo, a nos­tro giudizio, ver­rebbe infat­ti vio­la­to il prin­ci­pio del­la con­cor­ren­za”.

Così, in una nota, il pres­i­dente di Asso­tutela, Michel Emi Mar­i­ta­to.