ROMA NORD, STAMATTINA SFRATTO ESECUTIVO ALL’HOTEL FLAMINIUS

ROMA NORD, STAMATTINA SFRATTO ESECUTIVO ALLHOTEL FLAMINIUS

11/10/2018 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 210 volte!

ROMA NORD, STAMATTINA SFRATTO ESECUTIVO ALLHOTEL FLAMINIUS. CORSETTO (LEGA): ‘BAMBINI ITALIANI IN STRADA

 
“Com­pren­di­amo le ragioni di dirit­to pri­va­to dei pro­pri­etari dell’immobile ma l’amministrazione pen­tastel­la­ta non ha gesti­to l’emergenza con gli stru­men­ti politi­ci promes­si in cam­pagna elet­torale”
 
“Ques­ta mat­ti­na tre famiglie ital­iane allog­giate all’hotel Flaminius in emer­gen­za dal Comune dal 2014, a segui­to dell’alluvione che colpì Pri­ma Por­ta, stan­no suben­do lo sfrat­to esec­u­ti­vo con minori a segui­to.”
Lo rende noto Ric­car­do Corset­to, pres­i­dente del­la sezione Ponte Mil­vio, Lega con Salvi­ni.
Non con­te­s­tando il dirit­to del­la pro­pri­età dell’immobile, che deve rien­trare legit­ti­ma­mente in pos­ses­so del­la strut­tura, per legit­ti­mi motivi di carat­tere pri­va­to, rile­vi­amo però il ritar­do estremo e ingius­ti­fi­ca­to con cui l’amministrazione pen­tastel­la­ta del Munici­pio XV e le politiche sociali han­no gesti­to ques­ta emer­gen­za, che riguar­da, per­al­tro, anche alcu­ni bam­bi­ni tra i tre e i 10 anni, come doc­u­men­ta­to in un video dal­la nos­tra sezione di Ponte Mil­vio.”
“Soltan­to ieri infat­ti — pros­egue l’esponente del movi­men­to di Salvi­ni, Ric­car­do Corset­to — solo un giorno pri­ma del­lo sfrat­to esec­u­ti­vo, i servizi sociali diret­ti dal Pres­i­dente del Movi­men­to 5 Stelle, Simonel­li, han­no for­mal­iz­za­to con pro­to­col­lo n° 3506 un’offerta di sosteg­no eco­nom­i­co, per­al­tro utile solo nel caso in cui le famiglie sfrat­tate pre­senti­no al munici­pio un rego­lare con­trat­to fir­ma­to. Cir­costan­za assai remo­ta per chi però non ha red­di­ti e si pre­sen­ti a un loca­tore mil­lan­tan­do il Comune di Roma come uni­co garante.”
 
“Inoltre il sus­sidio, come si legge nel doc­u­men­to sti­la­to, è sta­to con­seg­na­to solo 24 ore pri­ma del­lo sfrat­to, sen­za nes­sun mar­gine d’anticipo utile ad evitare a queste famiglie la vio­len­za di essere divise in cen­tri di accoglien­za (madri e figli da una parte, padri da un’altra).” 
 
“Il doc­u­men­to tar­di­vo e inef­fi­cace del Munici­pio speci­fi­ca anche che il sus­sidio è vin­co­la­to al bilan­cio munic­i­pale diven­tan­do per tan­to qual­cosa di sim­i­le a un pagherò. Qual­cosa che nes­sun loca­tore potrebbe con­sid­er­are garanzia.”
“Dispi­ace — con­clude Corset­to — con­statare che anco­ra una vol­ta, l’attenzione all’emergenza abi­ta­ti­va, non abbia trova­to riscon­tro nei fat­ti, oltreché negli slo­gan, dei locali ammin­is­tra­tori pen­tastel­lati.”
“Vedere oggi la Polizia del Sin­da­co di Roma, costret­ta a cac­cia­re dei bam­bi­ni ital­iani da un let­to non rien­tra nei pro­gram­mi per cui questi sig­nori sono sta­ti votati.”