MARINO/S.MARIA DELLE MOLE. Inaugurata BiblioPop. Boom di partecipazione e pluralismo.16 nuovi iscritti.

MARINO/S.MARIA DELLE MOLE. Inaugurata BiblioPop. Boom di partecipazione e pluralismo.16 nuovi iscritti.

07/10/2018 0 Di Maurizio Aversa
Visite: 1437

Il Presidente di Acab, Sergio Santinelli, anche con una punta di emozione, l’ha detto subito: “è un successo di tutti. Dell’associazione che ha fortemente voluto la fondazione, la creazione di BiblioPop; così come è un successo di tutti i volontari e delle altre associazioni che ci hanno sostenuto. Da Italia Cuba, a Legambiente; dal Gruppo dei 12 a quello degli scacchi; da stop cemento ai gruppi di lettura. Soprattutto – sottolinea Santinelli – sarà l’insieme delle iniziative che daranno qualità e vita vera alla biblioteca che noi non abbiamo e non vogliamo proporre come “deposito di libri”. La nostra, col chiaro vincolo della Costituzione come traccia, sarà una proposta aperta a tutte le presenze culturali e sociali che vorranno proporci progetti, eventi, iniziative.”.
Poco prima, con precisione teutonica, aveva preso avvio l’assemblea che dava il via alla inaugurazione di BiblioPop. E, dopo una piccola presentazione, ha portato il saluto il vicesindaco del Comune di Marino, Paola Tiberi: ha rivolto ai presenti e particolarmente ad Acab, l’invito a far ben vivere questo rapporto coi libri, e con tutte le altre iniziative che si vorranno proporre qui a BiblioPop. Quindi ha salutato, per altri impegni a Marino, ma non prima di aver fatto sinceri complimenti ad Acab e a tutti i volontari che stanno lavorando a questo progetto.
Nella presenza, seppur con funzioni ben differenti, dopo l’uscita del vicesindaco molte altre sono state le personalità pubbliche intervenute: ai saluti a distanza giunti da Eleonora Di Giulio, Alex Hobel, Vito Lolli e Riccardo Frascolli; si sono uniti quelli di Stefano Cecchi, che ha reso omaggio alla precedente associazione impegnata nella cura del giardino. Di Anna Maria Scialis, presidente dell’ANPI che ha ricordato che molte iniziative verranno svolte dalla Associazione partigiani in simbiosi con Acab e con Italia Cuba. Di Nicola Passeretti presidente di Legambiente che ha voluto condividere coi presenti gli auguri ed i complimenti per la nascita di BiblioPop, ricordando che molta attività sarà fatta insieme utilizzando proprio l’idea degli spazi comuni. Del segretario del PCI Stefano Enderle che ha ringraziato Acab per aver messo a frutto positivamente il bene “pubblico” che è transitato proprio per l’organizzazione comunista per il volere prima di Raffaello Lello Raffo ed ora di Maurizio Musolino che hanno affidato proprio al PCI di dare in chiave popolare la fruizione delle loro collezioni librarie a cui tante altre donazioni si sono succedute. La presenza delle due mostre: quella del pittore Antonio Lucignano, e quella fotografica di Felice Salvati hanno reso ancor più qualitativa l’evento complessivo. Il riscontro è stato subito notato dagli apprezzamenti a sostegno. Per questo, Acab ha deciso, d’accordo con l’autore, di prolungare la mostra di pittura fino a sabato 13. Apprezzatissima l’esibizione musicale di Enrico Iannuzzi e la sua band, incluso il giovanissimo interprete. La cifra del primo buon passo fatto, trova riscontro non solo nelle sedici persone che hanno chiesto l’iscrizione all’associazione; ma anche nella presenza di numerosi autorevoli esponenti pubblici come l’ex presidente del Parco, Sandro Caracci, Mirko Laurenti, Gianfranco Venanzoni, Sante Narcisi, Cristina Cirillo, Andrea Sonaglioni, Silvia Rosati Cicerchia e poi i rappresentanti dei comitati di quartiere di S. Maria delle Mole e di Sassone. Come ha raccontato Maurizio Aversa, intervallando tra i vari interventi succedutisi, “tutto torna se ruota attorno alla qualità che l’uomo vuole adottare. Ad esempio la bellezza. Ad esempio la qualità della cultura e dalla potenza insita nei libri, come dimostra l’esempio narrativo di Farhenheit 451, dove gli uomini erano costretti ad imparare ognuno un libro a memoria per resistere e ribellarsi ad un governo dispotico che i libri li voleva bruciare.” Proseguendo poi nel “legare” questa attività di oggi, da cui un autoapplauso rivolto agli stessi presenti, perché probabilmente, scegliendo la solidarietà e la lottaai soprusi “se oggi non fossimo stati qui, molti sarebbero/​saremmo andati o a Riace a solidarizzare col sindaco Lucano, oppure a Massa Carrara per partecipare al sit in per la liberazione dell’antifascista Gianfranco Castellotti arrestato dalla polizia turca di Erdogan.”. La citazione dell’articolo 9 della Costituzione, sul ruolo fondamentale della cultura a disposizione di tutti ha poi offerto un punto fermo positivo per ognuno. Il saluto di Mauro Avello, segretario del circolo di Italia Cuba si è incentrato su cose precise: “i ringraziamenti rivolti ad Acab per la mole e la qualità di lavoro fin qui svolto; i ringraziamenti al comune di Marino che tramite il bando pubblico ha consentito ad Acab di realizzare il progetto BiblioPop; i rignraziamenti ai presenti, soprattutto se vorranno essere positivamente conseguenti ed accogliere la prima proposta che proprio da BiblioPop prende le mosse: ovvero un incontro gestito insieme da Anpi e Italia Cuba su Cuba e la Palestina, sulla resistenza e liberazione dei popoli. Il tema intrecciato col ruolo di Ernesto Che Guevara che vedrà – conclude Avello – la comunità palestinese, con molti di noi e con l’ambasciata cubana ragionare, approfondire e far scaturire nuove azioni su questo versante. Con al termine un vero interscambio culturale/​culinario con dolci e salati cucinati da palestinesi e cubani. L’appuntamento è per sabato 13 alle 17.00”. Anche le numerose donazioni in denaro, di piccole cifre, unitamente ad altre donazioni di libri durante l’evento, sono diretta testimonianza del circuito virtuoso di fiducia che affida a BiblioPop un ruolo di punto riferimento – non esclusivo per carità – per l’azione culturale e sociale e quindi politica, per l’intera comunità delle frazioni e di Marino tutta. Al termine della giornata, davvero popolare, sono stati donati a BiblioPop documenti del 1964, del 1920 e del 1903. Avanti: BiblioPop c’è, vi aspettiamo!

Condividi:
0