Roma, al Museo di Roma in Trastevere prosegue fino ad ottobre la mostra DREAMERS

Roma, al Museo di Roma in Trastevere prosegue fino ad ottobre la mostra DREAMERS

12/09/2018 0 Di puntoacapo
Vis­ite: 406

Museo di Roma in Trastevere: prorogata fino al 7 ottobre 2018 la mostra “Dreamers. 1968: come eravamo, come saremo”

Pros­egue per oltre un mese l’esposizione con immag­i­ni e video ded­i­ca­ta al 50° anniver­sario del 1968, a cura di AGI Agen­zia Italia, da un’idea di Ric­car­do Luna

Anco­ra un mese di tem­po per riv­i­vere uno degli anni più impor­tan­ti del­la sto­ria d’Italia attra­ver­so un per­cor­so fotografi­co e mul­ti­me­di­ale. Dopo il suc­ces­so di questi mesi, l’esposizione Dream­ers. 1968: come erava­mo, come sare­mo, volu­ta da Agi Agen­zia Italia in occa­sione del 50° anniver­sario del 1968, pros­egue fino al 7 otto­bre 2018 al Museo di Roma in Traste­vere.

L’esposizione è il risul­ta­to di un atten­to lavoro di ricer­ca svolto dall’AGI all’interno dei mate­ri­ali d’epoca. Il per­cor­so per immag­i­ni e video, nato da un’idea di Ric­car­do Luna, diret­tore AGI e cura­ta a quat­tro mani con Mar­co Pratelle­si, condi­ret­tore dell’agenzia, si basa, infat­ti, sull’archivio stori­co di quell’anno, ricostru­ito gra­zie al recu­pero del pat­ri­mo­nio di tutte le storiche agen­zie ital­iane e inter­nazion­ali.

La mostra è a cura di AGI Agen­zia Italia, pro­mossa da Roma Cap­i­tale, Asses­so­ra­to alla Cresci­ta cul­tur­ale-Sovrin­ten­den­za Capi­toli­na ai Beni Cul­tur­ali e con il patrocinio del MIUR – Min­is­tero dell’Istruzione, dell’Università e del­la Ricer­ca. Le numerose fotografie proven­gono dall’archivio stori­co di AGI men­tre gli altret­tan­to numerosi presti­ti sono mes­si a dis­po­sizione da AAMOD-Archiv­io Audio­vi­si­vo del Movi­men­to Operaio e Demo­c­ra­ti­co, AFP Agence France-Presse, AGF Agen­zia Gior­nal­is­ti­ca Fotografi­ca, ANSA, AP Asso­ci­at­ed Press, Mar­cel­lo Gep­pet­ti Media Com­pa­ny, Archiv­io Ric­car­di, Con­trasto, Archiv­io Stori­co del­la Bien­nale di Venezia, LUZ, Asso­ci­azione Archiv­io Stori­co Olivet­ti, RAI-RAI TECHE, Cor­riere del­la Sera, Il Mes­sag­gero, La Stam­pa, l’Espresso. I servizi muse­ali sono diZètema Prog­et­to Cul­tura.

La mostra for­nisce l’occasione di com­piere un viag­gio nel pas­sato, in un’epoca lon­tana d’Italia gra­zie a 171 immag­i­ni, tra le quali più di 60 inedite; 19 archivi setac­ciati in Italia e all’estero; 15 fil­mati orig­i­nali che ricostru­is­cono più di 210 minu­ti del­la nos­tra sto­ria di cui 12 minu­ti inedi­ti; 40 prime pagine di quo­tid­i­ani e riv­iste riprese dalle più impor­tan­ti tes­tate nazion­ali; e inoltre una ricer­ca­ta selezione di mem­o­ra­bil­ia: un juke boxe, un ciclos­tile, una macchi­na da scri­vere Valen­tine, la Cop­pa orig­i­nale vin­ta dal­la Nazionale ital­iana ai Cam­pi­onati Europei, la maglia del­la nazionale ital­iana indos­sa­ta da Tar­ci­sio Burgnich durante la finale con la Jugoslavia, la fiac­co­la delle Olimpia­di di Cit­tà del Mes­si­co.

 I mate­ri­ali com­pon­gono diverse sezioni tem­atiche che rac­con­tano la cronaca del tem­po, gli usi, i cos­tu­mi e le sue tradizioni. Non solo, quin­di, le occu­pazioni e i movi­men­ti stu­den­teschi, ma anche e soprat­tut­to la dolce vita, la vit­to­ria dei cam­pi­onati europei di cal­cio e le altre imp­rese sportive, il cin­e­ma, la vita quo­tid­i­ana, la musi­ca, la tec­nolo­gia e la moda.  

Si pas­sa dai gran­di “sog­na­tori del futuro” (Mar­tin Luther King, Bob Kennedy) alla cronaca inter­nazionale del ’68 (guer­ra in Viet­nam, seg­regazione razz­iale negli USA, la pres­i­den­za Nixon, la Pri­mav­era di Pra­ga, la Gre­cia dei colon­nel­li e il mag­gio francese), dalle riv­olte stu­den­tesche, leoccu­pazioni e le con­tes­tazioni affrontate nel­la sala “Il movi­men­to fra occu­pazioni e taze­bao — Valle Giu­lia” alle vicende ital­iane rac­con­tate nel­la sezione “Le due Ital­ie: dal Belice al Piper” (le sto­rie dram­matiche del ter­re­mo­to del Belice con­trap­poste a quelle di cos­tume legate al Piper e i suoi illus­tri fre­quen­ta­tori), dal­la musi­ca ital­iana e inter­nazionale alle gran­di imp­rese sportive (la vit­to­ria ai Cam­pi­onati Europei del­la Nazionale Ital­iana a Roma con­tro la Jugoslavia). E per con­clud­ere il viag­gio un ambi­ente sonoro con le voci e i suoni del 1968, una parte ded­i­ca­ta al grande fer­men­to tec­no­logi­co del 1968 che cul­min­erà con lo sbar­co sul­la luna di Neil Arm­strong del 1969 e una espe­rien­za immer­si­va con la ripro­duzione dell’ambiente di un’aula uni­ver­si­taria occu­pa­ta. Spazio in cui vision­are cine­gior­nali dell’epoca e doc­u­men­ti orig­i­nali cedu­ti da AAMOOD e RAIRAI TECHE.

L’evento, real­iz­za­to con il con­trib­u­to di Inte­sa San­pao­lo, in col­lab­o­razione con SIAE- Soci­età Ital­iana degli Autori ed Edi­tori e in part­ner­ship con la RAI, Sky, la FIGC, la Fon­dazione Museo del Cal­cio, ilCONI, l’AAMOD-Archiv­io Audio­vi­si­vo del Movi­men­to Operaio Demo­c­ra­ti­co, Open Polis e il CENSIS, si avvale del­la col­lab­o­razione sci­en­tifi­ca ed edi­to­ri­ale dell’Isti­tu­to dell’Enciclopedia ital­iana “Trec­ca­ni”con il quale è sta­to real­iz­za­to il cat­a­l­o­go dell’esposizione.

I media part­ner coin­volti sono Formiche, il Tas­ca­bile, mag­a­zine dig­i­tale di Trec­ca­ni, Rai Teche,Sco­mo­do, Radioim­mag­i­nar­ia e Voice­BookRa­dio.  

Ricor­diamo che acqui­s­tan­do la nuo­va MIC Card al cos­to di 5 euro chi vive e stu­dia a Roma può accedere illim­i­tata­mente per 12 mesi nei Musei in Comune e nei siti stori­co artis­ti­ci e arche­o­logi­ci del­la Sovrin­ten­den­za.

Sono escluse dal cir­cuito del­la MIC le mostre negli spazi espos­i­tivi del Museo di Roma e del Museo dell’Ara Pacis che han­no una bigli­et­tazione sep­a­ra­ta.

 

Con­di­vi­di: