GENOVA, TISO(IC): “BASTA POLEMICHE. LAVORARE SU PREVENZIONE PONTI E VIADOTTI”

GENOVA, TISO(IC): “BASTA POLEMICHE. LAVORARE SU PREVENZIONE PONTI E VIADOTTI

16/08/2018 0 Di Marco Montini
Vis­ite: 286

Il crol­lo del ponte autostradale Moran­di a Gen­o­va è una trage­dia immane e non pos­si­amo che esprimere il nos­tro cor­doglio e la nos­tra vic­i­nan­za alle famiglie delle vit­time, elo­gian­do al con­tem­po il lavoro e l’impegno delle forze dell’ordine e degli oper­a­tori san­i­tari al fine del sal­vatag­gio di vite umane e del­la mes­sa in sicurez­za del­la area. In queste ore intorno all’accaduto ne sti­amo sen­ten­do di tut­ti i col­ori, mil­ioni di ital­iani diven­tati improvvisa­mente ingeg­neri edili e i nos­tri polit­i­can­ti lit­i­gare su ciò che si sarebbe potu­to fare ma non si è fat­to. Inizia­ti­va Comune è dell’opinione che in questo momen­to le polemiche non ser­vono, fan­no male a un Paese in ginoc­chio, che ha come pri­mario bisog­no quel­lo di conoscere le cause del crol­lo. Las­ci­amo lavo­rare in pace gli inquiren­ti e i tec­ni­ci com­pe­ten­ti. Più in gen­erale, reputi­amo impro­cras­tin­abile aprire una rif­les­sione sul­la con­dizione delle infra­strut­ture nel nos­tro Paese: è nec­es­saria una ver­i­fi­ca com­ple­ta di autostrade, pon­ti e viadot­ti, e un con­cre­to piano di manuten­zione che met­ta in sicurez­za le opere mag­gior­mente a ris­chio. Bisogna lavo­rare di più sul­la pre­ven­zione del ris­chio e non arrivare, come sem­pre accade, al post trage­dia”. Così, in una nota, Roc­co Tiso, por­tav­oce di Inizia­ti­va Comune, grup­po di Coop­er­azione e Pro­poste, com­pos­to da “Radi­ci” (Rag­grup­pa­men­to cor­pi inter­me­di nes­suno toc­chi le radi­ci), “Con­feu­ro” (Con­fed­er­azione degli agri­coltori europei e del mon­do) e “Sogget­to giuridi­co” (Organ­is­mo di aggregazione inter­cat­e­go­ri­ale e coin­vol­gi­men­to dei cit­ta­di­ni).