ROMA. MURATELLA, RIVOLUZIONE ANIMALISTA: “SCIOCCATI PER MORTE GATTINO”

ROMA. MURATELLA, RIVOLUZIONE ANIMALISTA: “SCIOCCATI PER MORTE GATTINO

25/07/2018 0 Di Marco Montini

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 222 volte!

Siamo tan­to addo­lorati quan­to scioc­cati per quan­to accadu­to al gat­ti­no dece­du­to lo scor­so 18 luglio al Pun­to di Pri­mo soc­cor­so del­la Muratel­la. Por­ta­to al canile capi­toli­no il 16 luglio con ferite alle zampe ante­ri­ori e palas­chi­tosi, lo sfor­tu­na­to micio pare essere mor­to poi di fame. Siamo di fronte a un episo­dio tragi­co, grave ma che, soprat­tut­to, deve essere chiar­i­to in tutte le sue dinamiche. Ci chiedi­amo: i ter­apisti dell’Asl com­pe­tente cosa han­no conc­re­ta­mente fat­to per sal­vare la vita al gat­ti­no? E’ vero che l’animale non sarebbe sta­to nem­meno imma­tri­co­la­to? E’ sta­to dis­pos­to l’opportuno ricovero in una clin­i­ca vet­eri­nar­ia h24 per far­lo allattare e curare? Cor­risponde al vero che il pic­co­lo quat­tro zampe sia sta­to sem­plice­mente chiu­so in una gab­bia di degen­za? Domande e dub­bi che han­no bisog­no di imme­di­a­ta rispos­ta e che riv­ol­giamo alla Azien­da San­i­taria locale e ai ver­ti­ci del canile san­i­tario. Mor­ti come queste non pos­sono pas­sare sot­to silen­zio. Noi, come par­ti­to che difende i dirit­ti degli ani­mali, con­tin­uer­e­mo a vig­i­lare su un deces­so dai con­torni anco­ra trop­po oscuri e su molto altro anco­ra”. Così, in una nota, il seg­re­tario nazionale di Riv­o­luzione Ani­mal­ista, Gabriel­la Cara­man­i­ca.