ITALIA PRIMA AL MONDO PER NUMERO DI BENI ARTISTICI… E PER TRADIMENTI

Visite: 264

ITALIA PRIMA AL MONDO PER NUMERO DI BENI ARTISTICI… E PER TRADIMENTI

L’Italia è il Paese con il maggior numero di beni artistici e culturali al mondo: lo testimoniano i suoi 5 mila musei e i suoi 53 siti dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Ma è anche prima al mondo per numero di tradimenti: a metterlo in evidenza è Incontri​-ExtraConiugali​.com, il portale dedicato a chi cerca un’avventura al di fuori della coppia.

Esiste una correlazione tra beni artistici e tradimenti? «Sí, spesso è proprio l’amore per il bello a spingere a tradire» risponde Alex Fantini, fondatore di Incontri​-ExtraConiugali​.com, commentando così i risultati dell’indagine promossa dal portale da lui creato allo scopo di far trovare il partner giusto a chi cerca una relazione extraconiugale.Secondo quanto ha potuto constatare Incontri​-ExtraConiugali​.com, l’Italia è il Paese con il maggior numero di beni artistici e culturali al mondo. «Lo testimoniano i suoi 5 mila musei e i suoi 53 siti dichiarati Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco» puntualizza Alex Fantini.

Ma il Bel Paese è anche primo al mondo per numero di tradimenti. Nel «Sondaggio 2018 sul Tradimento in Europa», condotto a marzo di quest’anno dal sito web fondato da Alex Fantini, l’Italia, infatti, con un indice di 67 su 100, si posiziona al primo posto in quanto a propensione a tradire.

Sul podio anche Spagna e Francia, rispettivamente al secondo e terzo posto per la propensione a tradire il partner da parte dei loro abitanti. «E guarda caso anche questi due Paesi hanno il maggior numero di musei e di siti Patrimonio dell’Umanità Unesco: 46 siti per la Spagna 43 siti per la Francia» sottolinea il fondatore di Incontri​-ExtraConiugali​.com, il sito più sicuro dove cercare un’avventura in totale discrezione e anonimato.

Insomma, seppure non si possa ancora dimostrare un nesso di causalità, è indiscutibile che esista una correlazione tra beni artistici e tradimenti.

Indipendentemente dal sesso, oltre la metà della popolazione italiana (67%), spagnola (59%) e francese (56%), ha ammesso di aver tradito almeno una volta il proprio partner. E proprio in questi 3 Paesi dell’Arte e della Cultura la propensione a tradire aumenta mediamente del 12% di anno in anno: di questo passo il tradimento sarà presto un fenomeno che riguarderà quasi l’intera popolazione di queste nazioni.

Per quanto riguarda più specificamente il nostro Paese, salvo poche eccezioni, il tradimento è trasversale lungo tutta la Penisola. Anche perché favoriti dall’anonimato su un sito affidabile e sicuro come Incontri​-ExtraConiugali​.com, i tradimenti sono diventati all’ordine del giorno sia per gli uomini che per le donne italiane di qualunque località, dalla grande città al piccolo paesino.

Ed ecco l’identikit 2018 del traditore tipo, il cui profilo socioeconomico è tendenzialmente medio alto, con una sensibile presenza di liberi professionisti(15%), imprenditori (12%) e dirigenti (9%). La maggior parte organizza il tradimento al mattino (47%) o durante la pausa pranzo (30%). Uno su 3 possiede un animale.

Per quanto riguarda le singole città, l’indice di propensione al tradimento tocca il suo apice a Roma (76 su 100), seguita -quasi sullo stesso livello‐ da Milano (75 su 100) e poi da Napoli (72 su 100), Genova (68 su 100) e Palermo (65 su 100), che sono anche le città con il maggior numero di iscritti al portale Incontri​-ExtraConiugali​.com.

Perché si tradisce? I motivi continuano ad essere più o meno gli stessi: uscire dalla routine e dalla noia (38%), scarsa attenzione dei partner ufficiali (33%), insoddisfazione per la propria vita sessuale (29%). «Insomma, chi si sente annoiato, disatteso o sessualmente inappagato cerca in un amante quelle emozioni che non trova all’interno della coppia» conclude Alex Fantini.

Ma, seppure i diretti interessati spesso non se ne rendano conto a livello cosciente, secondo Incontri​-ExtraConiugali​.com è anche l’amore per il bello a spingere a tradire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.