Dal 24 al 29 Aprile 2018 all’OFF-OFF THEATRE ‘L’AMORE PER LE COSE ASSENTI’

Dal 24 al 29 Aprile 2018 all’OFF-OFF THEATRE ‘L’AMORE PER LE COSE ASSENTI

20/04/2018 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 489 volte!

Dal 24 al 29 Aprile 2018

all’OFF-OFF THEATRE

Via Giu­lia, 20 – Roma

ENTE TEATRO CRONACA VESUVIOTEATRO

pre­sen­ta

L’AMORE PER LE COSE ASSENTI

scrit­to e diret­to da Luciano Mel­chion­na

con Gian­domeni­co Cupaiuo­lo e Vale­ria Panepin­to

e con la parte­ci­pazione di H.E.R.

Scene Rober­to Crea, Cos­tu­mi Mil­la, Musiche Orig­i­nali STAG

Assis­tente alla Regia Sara Espos­i­to

Regia LUCIANO MELCHIONNA

Dal 24 al 29 Aprile all’OFF/OFF The­atre è di sce­na L’Amore Per Le Cose Assen­ti, il nuo­vo spet­ta­co­lo scrit­to e diret­to da Luciano Mel­chion­na, prodot­to da Ente Teatro Cronaca Vesu­vioteatro, che vede in sce­na gli attori Gian­domeni­co Cupaiuo­lo e Vale­ria Panepin­to, con la parte­ci­pazione del­la vio­lin­ista H.E.R., a cui si aggiun­gono le musiche orig­i­nali degli STAG, band riv­e­lazione da sem­pre cara al reg­ista, ideatore insieme a Bet­ta Cian­chi­ni del for­tu­na­to for­mat Dig­nità Autonome di Pros­ti­tuzione.

È il giorno del quar­an­tes­i­mo com­plean­no di Giu­lia che riceve in rega­lo da Mat­teo, il suo sec­on­do mar­i­to, la lib­ertà: lui ha orga­niz­za­to per lei una bel­lis­si­ma fes­ta di com­plean­no, ma non ha invi­ta­to nes­suno. Vuole restare solo con la moglie, occhi negli occhi, per dirle addio. Giu­lia e Mat­teo final­mente par­lano, dunque, in un con­fron­to vero e sin­cero non più medi­a­to dai sen­si di col­pa, ster­mi­nati ormai dal­la voglia di ver­ità che li ani­ma. E che ci coin­volge, facen­do­ci immedes­i­mare ora nel­l’uno ora nel­l’al­tra, men­tre si chiedono che fine abbia fat­to la magia del pri­mo incon­tro, e dove si anni­di il pre­ciso momen­to in cui le con­ven­zioni sociali han­no pre­so il pos­to dei sen­ti­men­ti. Liberi dal peso delle parole mai dette, i due pro­tag­o­nisti approder­an­no ad una risoluzione spi­az­zante, per loro. Luciano Mel­chion­na scrive e dirige quest’o­rig­i­nale e impi­etosa autop­sia dei sen­ti­men­ti: un’indagine sul­l’amore scan­di­ta dal­la nar­razione di H.E.R., nel ruo­lo di pro­l­o­go, epi­l­o­go e, forse, di per­son­ifi­cazione del­l’Amore. Che, forse, esiste.  

NOTE DI REGIA, di Luciano Mel­chion­na:

Pro­l­o­go – Lei: L’amore rende ridi­coli. Lui: Quel­lo è l’innamoramento. Lei: Rende ridi­coli all’inizio, sì, ma anche alla fine.” Oggi Giu­lia com­pie quar­an­t’an­ni. A parte le rughe da can­cel­lare con ogni trat­ta­men­to di bellez­za pos­si­bile, ‘den­tro’ non è cam­bi­a­ta molto da quan­do ne ave­va ven­ti: con­tin­ua a ‘cam­minare scalza’ in giro per il mon­do come una bim­ba e a cer­care il principe azzur­ro che la pren­da in brac­cio. Anni pri­ma ha vis­su­to il naufra­gio del suo pri­mo mat­ri­mo­nio, ricostru­en­do il pri­mo incon­tro: “Era suc­ces­so qual­cosa di forte. E ora? Dov’è?” Ha volu­to ricostru­ire la pri­ma mer­av­igliosa ser­a­ta trascor­sa insieme, nei det­tagli, per com­pren­dere cos’era suc­ces­so e come tan­to entu­si­as­mo e tan­ta felic­ità abbiano potu­to, in pochi anni, trasfor­mar­si in una perdi­ta. Oggi il suo sec­on­do mar­i­to ha orga­niz­za­to per lei una bel­lis­si­ma fes­ta di com­plean­no… ma non ha invi­ta­to nes­suno. Vuole restare solo con la moglie, occhi negli occhi, per dirle addio. È il suo rega­lo di com­plean­no: la lib­ertà.

”Lui – Piano piano, sub­dola­mente, hai proi­et­ta­to davan­ti ai miei occhi un olo­gram­ma cuci­to su misura dal­la bra­va sarti­na dell’Amore, un olo­gram­ma di me da far­mi indos­sare… e io l’ho indos­sato, per amor tuo! E l’ho tenu­to a pelle anche se bru­ci­a­va, o mia Medea, l’ho tenu­to addos­so sof­fren­do in silen­zio per amore del­la nos­tra crea­tu­ra men­tre anda­vo a fuo­co! Tut­ti sap­pi­amo che finisce, e che mag­a­ri non finisce insieme ma più spes­so pri­ma per l’uno e poi per l’altra… eppure tut­ti, se finisce pri­ma per l’altro, impazz­i­amo, non capi­amo, rin­fac­ciamo, recri­m­ini­amo e ci dis­pe­ri­amo: che palle! Lei - Ma che vuoi? Mi las­ci dis­per­are in pace? Fa parte del pac­chet­to, no? Ci siamo conosciu­ti, corteggiati, amati, fidan­za­ti e ora uno dei due si dis­pera: io! Toc­ca a me! Non liq­uidare il mio dolore! Non sminuire la mia atroce sof­feren­za, per dio! Las­ci­a­mi attac­care alle tende, smet­tere di man­gia­re, invec­chiare a vista d’occhio, regredire nell’autostima, vom­itare il peg­gio di me e sper­are di morire e rinascere al più presto per seder­mi sul fiume ad aspettare di ved­er­ti pas­sare trasci­na­to dal­la cor­rente fan­gosa men­tre anneghi!” Un’originale, impi­etosa autop­sia dei sen­ti­men­ti. Un con­fron­to non più medi­a­to dai sen­si di col­pa, ster­mi­nati ormai, impla­ca­bil­mente, dal­la voglia di ver­ità che ani­ma entram­bi. Liberi dal peso delle parole mai dette, i due pro­tag­o­nisti approder­an­no ad una risoluzione spi­az­zante, per loro. “Epi­l­o­go - Beh? Che fate lì fer­mi? Spi­ate la loro intim­ità? Guardoni pure, ora? Non vi bas­ta aver annusato a lun­go nei loro pan­ni sporchi? Esservi spec­chiati nel­lo smar­ri­men­to del loro malessere? Dite la ver­ità: vi siete riconosciu­ti, qua e là? Andrete a casa riflet­ten­do­ci su, come spero? Cercherete di miglio­rare la qual­ità dei vostri rap­por­ti?”

OFF/OFF THEATRE

Via Giu­lia, 20 – Roma — Info: +39 06.89239515 — +39 389.4679285 — offofftheatre.biglietteria@gmail.com

Cos­to Bigli­et­ti: intero 25 €; ridot­to 18 € Over 65 e Under 26; 10 € per grup­pi – info@altacademy,it

Dal mart­edì al saba­to h. 21,00 – Domeni­ca h. 17,00