MARINO. IL PCI DI MARINO ORGANIZZA VISITA/​PRESIDIO ALLE FOSSE ARDEATINE VENERDI 23 ALLE 10. CON FORTI MOTIVAZIONI

Visite: 482

Fosse Ardeatine. Il luogo dell’eccidio, il Mausoleo

“Dopo il voto, la prima seduta di Camera e Senato ci sarà il 23 marzo per l’elezione dei presidenti (una prima cartina di tornasole per capire le possibili alleanze) un elemento indicativo sarà quello della formazione dei gruppi. I capigruppo e i leader saranno poi chiamati alle consultazioni, insieme all’ex capo dello Stato Giorgio Napolitano e ai nuovi presidenti delle Camere.” (ANSA). Questa disposizione obbligatoria, prevista dalla Costituzione, dalle leggi e dai regolamenti, ha fatto cogliere l’occasione, alla sezione PCI “E.Berlinguer” di Marino, per organizzare una visita/​presidio al Mausoleo delle Fosse Ardeatine.
Infatti, se da un lato, come ogni anno, noi comunisti siamo presenti – da soli o unitariamente il più delle volte – nella data di commemorazione dell’eccidio nazifascista alle Fosse Ardeatine; questa volta, coincidendo la data con la convocazione delle sedute plenarie di Camera e Senato dopo l’esito elettorale, abbiamo un motivo in più, e forte, per far valere la memoria dei caduti della Resistenza, e del pericolo che culture politiche e perfino partiti politici portatori di xenofobia e razzismo, con l’asticella bassa verso i nuovi fascismi, e chiamare alla vigilanza democratica per non tornare a vivere in altra forma gli orrori del passato.
Sappiamo bene che nessuna marcia su Roma appare alla porte, ma tanti possono essere i rischi della strisciante violenza fascista che comunque è presente in varie parti del Paese. Per questo ha grande valore la petizione nazionale dell’ANPI contro i nuovi fascismi, che noi invitiamo a firmare; per questo hanno valore le iniziative volte a limitare e negare gli spazi pubblici e istituzionali a forze organizzate che si richiamano al fascismo.
Così non è avvenuto a Marino, dove, inspiegabilmente (dopo giorni e giorni nessuno commenta da Palazzo Colonna), nonostante un dissenso interno al M5S, il Sindaco, la Giunta e la maggioranza hanno bocciato proposte che volevano proprio ottenere la negazione di spazi pubblici ai fascisti.
Ecco perché dalle piccole cose quotidiane e dalle piccole cittadine, fino al Parlamento, il senso di questa giornata di commemorazione è insieme anche una giornata di lotta: la democrazia non è una conquista acquisita per sempre.
Chiediamo ai compagni e ai cittadini, così come alle associazioni e alle forze politiche e sociali antifasciste ad unirsi con noi alla visita/​presidio di mercoledì 23 marzo alle ore 10.00. Ritrovo a S. Maria delle Mole (BarMameli, vicino Coop) alle ore 9.30. (ognuno può portare le bandiere ed i vessilli che ritiene di rappresentare).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.