Fondazione per il Libro, l’Assemblea dei Soci decide lo scioglimento

Fondazione per il Libro, l’Assemblea dei Soci decide lo scioglimento

30/12/2017 0 Di puntoacapo
Vis­ite: 829

Fondazione per il Libro, l’Assemblea dei Soci decide lo scioglimento.

L’avvocato Riccardo Rossotto liquidatore

Il Ministero per l’istruzione, l’università e la ricerca ufficializza l’uscita dai Soci

L’Assemblea dei Soci del­la Fon­dazione per il Libro, la Musi­ca e la Cul­tura si è riu­ni­ta oggi in sedu­ta stra­or­di­nar­ia a Tori­no pres­so lo stu­dio del notaio Giulio Biino, sot­to la pres­i­den­za di Ser­gio Chi­ampar­i­no. Era­no pre­sen­ti la Sin­da­ca di Tori­no, Chiara Appendi­no; Michele Cop­po­la per Inte­sa San­pao­lo; le Asses­sore alla Cul­tura di Regione Piemonte, Antonel­la Pari­gi, e del­la Cit­tà di Tori­no Francesca Leon; il Pres­i­dente del­la Fon­dazione per il Libro Mas­si­mo Bray; il Vice-Pres­i­dente Mario Mon­tal­ci­ni; il Con­sigliere d’Amministrazione Luciano Con­ter­no; il Seg­re­tario Gen­erale Michele Petrel­li; il dot­tor Giuseppe Fer­rari e l’avvocato Car­lo Merani. Assente il rap­p­re­sen­tante del Mibact. Il Miur ha fat­to per­venire, in data 27 dicem­bre, una let­tera in cui comu­ni­ca la volon­tà di recedere dagli impeg­ni assun­ti nel Pro­to­col­lo d’intesa sot­to­scrit­to il 19 aprile 2016, e con­seguente­mente la sua usci­ta dal­la com­pagine dei Soci fonda­tori.

In appli­cazione a quan­to indi­ca­to dall’Assemblea ordi­nar­ia il 19 dicem­bre scor­so — a segui­to dell’esame del­la situ­azione eco­nom­i­co-finanziaria dell’Ente e dell’assen­za dei pre­sup­posti eco­nomi­ci e giuridi­ci nec­es­sari per un suo risana­men­to finanziario – l’Assemblea stra­or­di­nar­ia ha delib­er­a­to ai sen­si di Statu­to lo sciogli­men­to del­la Fon­dazione per il Libro, la Musi­ca e la Cul­tura e l’avvio del­la pro­ce­du­ra di liq­uidazione e dei con­seguen­ti, nec­es­sari adem­pi­men­ti pres­so il Tri­bunale.

L’Assemblea dei Soci ha nom­i­na­to l’avvocato Ric­car­do Rossot­to liq­uida­tore incar­i­ca­to di gestire la fasi suc­ces­sive, a par­tire dall’incas­so dei cred­i­ti già deliberati per il pas­sato e anco­ra dovu­ti da Enti, part­ner e spon­sor, e all’adempimento degli impeg­ni pre­gres­si con for­n­i­tori e banche.

La real­iz­zazione del­la 31a edi­zione del Salone è affi­da­ta alla Fon­dazione Cir­co­lo dei let­tori e alla Fon­dazione Cul­tura Tori­no, sul­la base del Pro­to­col­lo d’Intesa sot­to­scrit­to assieme alla Fon­dazione per il Libro, la Musi­ca e la Cul­tura. Alla nuo­va «cab­i­na di regia» spet­ta fornire gli ind­i­rizzi gen­er­ali, il coor­di­na­men­to e il mon­i­tor­ag­gio delle azioni poste in essere fra le tre Fon­dazioni. In essa, pre­siedu­ta da Mas­si­mo Bray, siedono i ver­ti­ci di Fon­dazione per il Libro (Michele Petrel­li e Nico­la Lagioia; Mario Mon­tal­ci­ni in caso di assen­za del Pres­i­dente Bray), Cir­co­lo dei let­tori (Luca Beat­rice e Mau­r­izia Rebo­la), Fon­dazione Cul­tura Tori­no (Angela La Rotel­la) e Asso­ci­azione Edi­tori Ami­ci del Salone (Gas­pare Bona e Isabel­la Fer­ret­ti).

Con­di­vi­di:
0