Genzano, il Segretario comunale nasconde ai consiglieri la diffida del Prefetto

Genzano, il Segretario comunale nasconde ai consiglieri la diffida del Prefetto

29/05/2017 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1582 volte!

Gen­zano, il Seg­re­tario comu­nale nasconde ai con­siglieri la dif­fi­da del Prefet­to

Situ­azione gravis­si­ma, con un Seg­re­tario comu­nale che non adem­pie alle dis­po­sizioni del Prefet­to, che copre i ritar­di politi­ci del­la mag­gio­ran­za e non garan­tisce trasparen­za e cor­ret­ta infor­mazione”

Il Seg­re­tario comu­nale di Gen­zano ha nascos­to la dif­fi­da del Prefet­to di Roma al Comune ad approvare il ren­di­con­to di ges­tione del 2016, la cui sca­den­za nat­u­rale era fis­sa­ta al il 30 aprile, pur aven­do l’obbligo di noti­fi­car­la “con imme­di­atez­za” ai Con­siglieri comu­nali e al Sin­da­co. Si trat­ta di una man­can­za grave da parte del Seg­re­tario che ha volu­ta­mente dis­at­te­so di comu­ni­care ai Con­siglieri il decre­to prefet­tizio che met­te­va in evi­den­za i rischi di una man­ca­ta approvazione del con­sun­ti­vo 2016. Infat­ti, dopo un pri­mo inter­ven­to del Prefet­to, la legge prevede la nom­i­na del Com­mis­sario ad acta per arrivare fino allo sciogli­men­to del Con­siglio, nell’eventualità che il ren­di­con­to non ven­ga approva­to.

Il com­por­ta­men­to del Seg­re­tario gen­erale del Comune di Gen­zano di Roma mette in seria dis­cus­sione il rap­por­to di col­lab­o­razione e assis­ten­za giuridi­co-ammin­is­tra­ti­vo con i Con­siglieri comu­nali: ha tenu­to la dif­fi­da nel cas­set­to per due giorni, il 17 e 18 mag­gio, quan­do a stret­ta mag­gio­ran­za è sta­to approva­to il con­sun­ti­vo e respin­ta la imme­di­a­ta eseguibil­ità per la man­can­za del­la mag­gio­ran­za dei con­siglieri asseg­nati.

Il seg­re­to è sta­to sve­la­to soltan­to quan­do i con­siglieri del Par­ti­to Demo­c­ra­ti­co han­no chiesto  per iscrit­to, il 25 mag­gio, se la dif­fi­da del Prefet­to fos­se arriva­ta in Comune, viste le notizie che si rin­cor­re­vano sulle noti­fiche del Prefet­to giunte nei comu­ni vici­ni. La rispos­ta del Seg­re­tario comu­nale, invi­a­ta il giorno suc­ces­si­vo al capogrup­po Pd Flavio Gab­bari­ni, ha con­fer­ma­to l’arrivo del­la dif­fi­da il 17 mag­gio, ma il 18 alle ore 18,30 il Con­siglio comu­nale, riu­ni­to, non viene infor­ma­to di nul­la.

Siamo di fronte ad una situ­azione gravis­si­ma, con un Seg­re­tario comu­nale che non adem­pie a delle dis­po­sizioni del Prefet­to, che copre i ritar­di politi­ci del­la mag­gio­ran­za, che non garan­tisce trasparen­za e cor­ret­ta infor­mazione al Con­siglio comu­nale: una situ­azione che  crea nel Pd for­ti dub­bi sul ruo­lo di garanzia in ordine alla con­for­mità dell’azione ammin­is­tra­ti­va alle leg­gi.

Flavio Gab­bari­ni

Con­di­vi­di:
error0