Visite: 1263

viterbo1VITERBO, TERREMOTO, SCUOLE CHIUSE OGGI. PREDISPOSTE MISURE DI SICUREZZA IN CASO DI EMERGENZA

Il sindaco Michelini: “Misure precauzionali”

 
Oggi, lunedì 31 ottobre, le scuole di ogni ordine e grado del territorio comunale, compresi gli asili nido, comunali e convenzionati, resteranno chiuse. Lo ha stabilito con apposita ordinanza (n. 178 del 30/​10/​2016) il sindaco Leonardo Michelini, nel rispetto della nota divulgata dal tavolo di coordinamento per la sicurezza, tenutosi questa mattina presso il comando provinciale dei Vigili del Fuoco, a seguito della scossa di terremoto, con magnitudo 6,5, che ha colpito nuovamente il centro Italia e che è stata avvertita anche a Viterbo. La chiusura delle scuole consentirà di effettuare le opportune verifiche su edifici pubblici. Nella stessa ordinanza siglata dal sindaco è stata estesa la chiusura a Palazzo Donna Olimpia di via San Pietro per consentire gli opportuni controlli. 
La nota con le misure preventive e precauzionali divulgata nell’odierna riunione è rivolta a tutti i sindaci della provincia di Viterbo affinché  provvedano con le relative ordinanze. 
 
Durante il tavolo di coordinamento per la sicurezza inoltre sono state predisposte le seguenti misure:
 
in caso di emergenza terremoto
- la popolazione deve ammassarsi in piazza Martiri d’Ungheria (Sacrario) e a Valle Faul; 
- i soccorsi dovranno radunarsi nel piazzale antistante la sede del Comando della Polizia Locale. 
 
Il sindaco Michelini rassicura la popolazione viterbese: “Sono solo misure precauzionali, nella speranza che restino tali. È ovvio che non dobbiamo sottovalutare quanto è accaduto a poche centinaia di chilometri da noi. È quindi opportuno divulgare tali misure per una maggiore sicurezza dei cittadini”.
 
Tutte le informazioni e gli eventuali aggiornamenti saranno consultabili sul sito istituzionale del Comune di Viterbo e della Prefettura di Viterbo. 
Tutte le notizie ufficiali saranno inoltre pubblicate in tempo reale sulla pagina Facebook Comune di Viterbo Informa.
 
Condividi:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *