FRONGIA M5S ROMA: “STRADE AL BUIO. SERVE NUOVO CONTRATTO DI SERVIZIO TRA ACEA E ROMA CAPITALE”

FRONGIA M5S ROMA: “STRADE AL BUIO. SERVE NUOVO CONTRATTO DI SERVIZIO TRA ACEA E ROMA CAPITALE

02/04/2015 0 Di puntoacapo

Questo arti­co­lo è sta­to let­to 1981 volte!

Daniele Frongia

Daniele Fron­gia

FRONGIA M5S ROMASTRADE AL BUIO. SERVE NUOVO CONTRATTO DI SERVIZIO TRA ACEA E ROMA CAPITALE”. “E’ pre­sente una ges­tione “in house” da parte di ACEA delle seg­nalazioni di “strade al buio”: in prat­i­ca il cir­cuito delle seg­nalazioni dei guasti e del­la man­ca­ta illu­mi­nazione delle strade si apre e si chi­ude all’interno del grup­po ACEA. Il tut­to è accom­pa­g­na­to dal fat­to che non vi è un map­patu­ra degli inter­ven­ti in tem­po reale a dis­po­sizione degli uffi­ci capi­toli­ni. In prat­i­ca ACEA auto­cer­ti­fi­ca le riparazioni, e quin­di la qual­ità del servizio”. Lo ha dichiara­to ieri Fron­gia (M5S) a mar­gine dell’incontro con il  man­age­ment  di Acea Illu­mi­nazione Pub­bli­ca S.p.A,  sul­lo sta­to dell’illuminazione pub­bli­ca del­la cap­i­tale, tenu­tosi con­giun­ta­mente dalle com­mis­sioni spe­ciali capi­to­line Spend­ing review , pre­siedu­ta dal­lo stes­so Fron­gia, e Smart City. Il M5S Roma ha rac­colto in questi mesi diverse seg­nalazioni da parte dei cit­ta­di­ni riferite ed intere strade del­la cit­tà las­ci­ate com­ple­ta­mente al buio. Ma come fun­ziona  il con­trat­to di servizio tra Acea e Roma Cap­i­tale? Per­ché questi black­out e come ven­gono risolti, chi seg­nala even­tu­ali guasti, come e chi inter­viene in pri­ma bat­tuta? È emer­sa  così la neces­sità, con­di­visa anche dagli espo­nen­ti del Pd pre­sen­ti nelle com­mis­sioni, di rivedere a breve il con­trat­to di servizio tra il Grup­po Acea e il Campi­doglio. Infat­ti a fronte di penali molto ele­vate in caso di reces­so  da parte di Roma Cap­i­tale, non vi è un vero e pro­prio con­trol­lo da parte dell’Amministrazione sul­la ges­tione del servizio. Un nuo­vo con­trat­to di servizio con un mag­giore mon­i­tor­ag­gio di Roma Cap­i­tale, attra­ver­so l’accesso ad una map­pa con­di­visa  dei pun­ti luce e delle rel­a­tive seg­nalazioni ed inter­ven­ti di manuten­zione, ren­derebbe il servizio più effi­cace. Atte­so a breve è anche il pas­sag­gio al sis­tema di illu­mi­nazione a led delle strade che dovrebbe portare dei van­tag­gi nel­la ges­tione e nel mon­i­tor­ag­gio del servizio di illu­mi­nazione pub­bli­ca. “Tut­tavia – con­clude Fron­gia – occor­rerà ver­i­fi­care se i ben­efi­ci di  tale impor­tante inno­vazione tec­ni­ca ricad­ran­no solo su Acea e non anche sul Comune attra­ver­so una riduzione del con­trat­to di servizio”.