Rosy Bindi, Commissione Antimafia: ‘Abbiamo chiesto accertamenti per il Comune di Anzio’.

Questo articolo è stato letto 541 volte!

Rosy Bindi, Presidente della Commissione Antimafia: ‘Abbiamo chiesto accertamenti per il Comune di Anzio’.

Durante la conferenza stampa che si è svolta in prefettura a conclusione della commissione che ha visto l’audizione dei prefetti di Roma, Latina e Frosinone, del procuratore capo di Roma Giuseppe Pignatone, del procuratore aggiunto Michele Prestipino e del comitato per la sicurezza, La presidente della Commissione Antimafia, Rosy Bindi, ha fatto il punto sulla situazione della presenza della criminalità a Roma e nel Lazio: “Ad Anzio, comune del litorale a sud di Roma, ad esempio l’uso della violenza anche nella lotta politica sta portando al blocco delle elezioni”, ha detto la presidente della Commissione parlamentare Antimafia. “Abbiamo chiesto al prefetto di Roma Paola Basilone di valutare se ci siano gli estremi per una commissione d’accesso ad Anzio — ha aggiunto — perché i fatti che si sono verificati ci preoccupano molto. So che la prefettura sta monitorando la situazione”.

Fattori (M5S): Le dichiarazioni del Presidente Bindi confermano i nostri dubbi

Siamo stati apostrofati dall’amministrazione comunale di Anzio come “Disturbati mentali”. In particolare il Sindaco Bruschini e i suoi lacchè si sono sentiti offesi e hanno minacciato querele per milioni di euro in seguito all’interrogazione dove chiedevamo conto, al ministro preposto, della preoccupante escalation dei fenomeni di intimidazione mafiosa nel comune di Anzio. Dopo le dichiarazioni del Presidente della Commissione antimafia Rosy Bindi che conferma le nostre preoccupazioni cosa intendono fare? Querelare tutta la commissione?

Le vicende di Anzio da mesi oramai sono oggetto di indagine e azione politica da parte del Movimento 5 stelle e altre forze politiche, che già ad aprile hanno richiesto una commissione di accesso. Tanti sono gli interessi in ballo: dagli affidamenti diretti, agli impianti a biogas, dalle minacce e intimidazioni, a un atteggiamento che sembra voler mettere la polvere sotto al tappeto da parte della classe politica locale.

Dopo diverse interrogazioni, azioni sul territorio, incontri col Prefetto di Roma col quale abbiamo condiviso una vasta documentazione e un incontro pubblico molto partecipato nel mese di maggio, arrivano le dichiarazioni del Presidente della Commissione Antimafia, Rosy Bindi, che lapidariamente conferma quanto da tempo stiamo perseguendo.

“Spero che l’invito della Bindi venga raccolto dal Prefetto di Roma col quale già avevo parlato nel mese di Aprile. L’interesse della Commissione antimafia avalla le nostre preoccupazioni e conferma che sul territorio di Anzio, ma non solo, la presenza delle organizzazioni mafiose è florida” dichiara la Sen. Elena Fattori, che si è direttamente interessata del caso Anzio, che aggiunge:” I comitati e il gruppo locale dei Grilli di Anzio hanno fatto un lavoro meraviglioso dimostrando, rischiando del proprio, quanto tengano al proprio territorio con una azione corale intensa e senza voler mettere un cappello di bandiera”.

Purtroppo la strada verso la soluzione di un problema atavico come questo è ancora lunga e tortuosa, ma i risultati arriveranno. “A meno che il Sindaco di Anzio ora non si metta a minacciare di querela tutti, deve prendere atto che le intimidazioni non ci fermano, anzi rafforzano la nostra convinzione di voler lottare per una politica pulita, senza clientelismi e fatta per i cittadini, non per il proprio tornaconto economico e politico” queste le parole di chiusura della Fattori.

 

Il Sindaco di Anzio, Luciano Bruschini: “Rispetto per le dichiarazioni del Presidente Bindi ma, recentemente, il Ministro dell’Interno ha chiarito che non sussistono elementi orientati al condizionamento dell’Amministrazione”

 “Pieno rispetto per le dichiarazioni del Presidente, Rosy Bindi, della quale sono a completa disposizione per incontri ed audizioni, ma non posso che sottolineare come il Ministro dell’Interno, di recente, ha ribadito che non sussistono elementi orientati al condizionamento dell’Amministrazione Comunale”. 

Lo ha affermato il Sindaco di Anzio, Luciano Bruschini, in riferimento alle dichiarazioni del Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia, Rosy Bindi.

“Il Ministro ha risposto, - prosegue Bruschini —  dal Prefetto mi sono recato personalmente, così come costantemente mi rapporto con le Forze dell’Ordine operative sul nostro territorio. Sono certo della solidità delle nostre istituzioni e della massima libertà nell’esercizio delle mie funzioni e di quelle dell’Amministrazione”.        

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*